Symbian di Nokia va ufficialmente in pensione

Fine di un’epoca per Nokia che dice addio a Symbian, il sistema operativo proprietario: spazio solo a Windows Phone.

Symbian di NokiaSymbian di Nokia

Nokia ha annunciato di aver deciso di non produrre più smartphone e cellulari basati sul sistema operativo Symbian.
La storia di questo OS arriva dunque al capolinea, così da poter sviluppare i nuovi prodotti in un’unica direzione, quella targata Windows Phone.
In particolare l’azienda finlandese ha fatto sapere il Nokia 808 PureView è stato l’ultimo device prodotto con Symbian a bordo, dunque da oggi in avanti – o quantomeno finchè la partnership con Microsoft darà i suoi frutti – i nuovi prodotti Nokia si baseranno su Windows Phone.
L’occasione per annunciare questo “pensionamento” si è creata nel corso dell’incontro per l’annuncio dei dati nello scorso trimestre e per in generale del 2012, quando i vertici Nokia hanno tenuto a ribadire che il nuovo corso di Nokia è tracciato e che i primi risultati positivi sono arrivati proprio durante il quarto trimestre 2012, sia per quanto riguarda il comparto dei device, sia in riferimento al nuovo servizio di mappe Nokia HERE, settore sul quale sin dal principio ha fatto intendere di puntare molto.

Il prossimo evento dove poter saggiare la strategia di Nokia nel settore degli smartphone è dunque il Mobile World Congress 2013, in svolgimento nelle prossime settimane a Barcellona: è questa infatti la prima buona occasione per l’azienda – e d’altronde anche per tutti i competitor – per presentare i nuovi prodotti da lanciare nel corso dei prossimi mesi.
Viste le recensioni lusinghiere rispetto alla tecnologia Pure View – di cui proprio il suddetto Nokia 808 PureView è dotato – l’azienda ha fatto sapere di non voler abbandonare questa strada: si attende dunque di appurare come Pure View si integrerà con Windows Phone, ormai nuovo standard Nokia per quanto riguarda il discorso sistema operativo.

Se vuoi rimanere aggiornato su Symbian di Nokia va ufficialmente in pensione iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.