Office 2016: lavoro condiviso e altre novità

Microsoft ha lanciato Office 2016, per lavorare in maniera condivisa e con altre novità.

Office 2016 è prontoOffice 2016 è pronto

Microsoft ha ufficialmente presentato il nuovo Office 2016, puntando davvero tutto sulla condivisione.
La prima e più importante novità del pacchetto Office è infatti la possibilità di poter lavorare sulle stesso documento in più persone, nello stesso istante, seppure tramite piattaforme in remoto.
Non ci si ritroverà al cospetto di un documento modificato, dopo il salvataggio: il testo Word cambierà mano a mano che le parole verranno digitate. Tutto in tempo reale per l’intero team al lavoro sul medesimo documento.
La seconda innovazione è offerta dal “capitolo” della ricerca: se ci si ritroverà nella situazione di dover effettuare una ricerca sul web, con Office 2016 sarà possibile procedere senza dover abbandonare il documento aperto.
La ricerca – per di più vocale – potrà essere avviata direttamente all’interno del file stesso. Ciò è reso possibile grazie alla completa integrazione dell’assistente vocale Cortana che sarà in grado di proporre lo strumento in quel momento migliore per portare a termine la propria ricerca o altre operazioni al pc.
Altra importante integrazione è quella con Skype, anch’esso già utilizzabile direttamente dai documenti aperti.

Tutto sembra essere stato studiato proprio per favorire il lavoro in team in simultanea.
Tant’è che si è provveduto ad estendere l’accesso anche gli studenti (fino a 5 ulteriori device), nel caso in cui scuole e istituti vari abbiamo già l’abbonamento a OOffice 365 ProPlus o a Office Professional Plus. Queste tipologie di utenti non dovranno fare altro che procedere all’aggiornamento dei supporti già utilizzati.
Per poter utilizzare Office 2016 sarà richiesto il sistema operativo Windows 7 o successivi. L’app è inoltre disponibile in 47 lingue differenti e gira anche su Mac di Apple.

Se vuoi rimanere aggiornato su Office 2016: lavoro condiviso e altre novità iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*