Mozilla Thunderbird: aggiornamenti e sviluppo verso lo stop

Meno aggiornamenti per Mozilla Thunderbird: lo staff di Mozilla ha deciso di destinare sempre meno energie all’ulteriore sviluppo del client di posta elettronica.

Mozilla ThunderbirdMozilla Thunderbird

Mozilla sta diversificando lo stanziamento di risorse utili ai prodotti in sviluppo e, di converso, sta tagliando fondi ai progetti ritenuti forse ritenuti meno interessanti: è il caso, ad esempio, di Mozilla Thunderbird, in via di dismissione.
Mozilla ha deciso di non continuare a sviluppare con decisione il famoso client di posta elettronica, iniziando con il ridurre notevolmente la frequenza di invio di aggiornamenti.
E’ molto probabile che in questa fase la priorità sia sviluppare Firefox OS, il sistema operativo di Mozilla, nuovo progetto che ha richiamato a sè l’attenzione della community e degli addetti ai lavori.
Ciò però non vorrà dire che a breve suonerà la campana funesta per Mozilla Thunderbird.
Semplicemente lo staff incaricato del suo sviluppo – così come avvenuto fino ad oggi – si occuperà piuttosto solo di rendere il sistema stabile, senza offrire ulteriori novità quanto a funzioni.

La notizia è trapelata nel momento in cui TechCrunch ha pubblicato una mail interna di Mozilla in cui si parla della volontà di spostare alcuni membri dello staff di Thunderbird su altri progetti.
Inoltre si considera anche che, a quanto pare, gli utenti sarebbero contenti dell’attuale prodotto Thunderbird.
Trattandosi inoltre di un progetto da sempre open source, è altamente possibile che una parte della comunità nata a questo prodotto possa provvedere in autonomia alle nuove eventuali funzionalità, lasciando allo staff ufficiale di Mozilla il solo compito dell’approvazione e della stabilizzazione del sistema nel suo complesso.
A quanto pare a settembre si conosceranno più nel dettaglio le sorti di Thunderbird.

Se vuoi rimanere aggiornato su Mozilla Thunderbird: aggiornamenti e sviluppo verso lo stop iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*