iOS 7 di Apple provoca vertigini e nausea? I consigli di Apple

Arrivano critiche relative a iOS 7, stavolta non per via di bug tecnici: alcuni utenti lamentano vertigini e nausea. Cosa fare? Ecco i consigli di Apple.

iOS7: problemi di nausea e vertiginiiOS7: problemi di nausea e vertigini

Solitamente, con l’uscita di nuovi sistemai operativi, si moltiplicano sempre notizie di bug: iOS 7 non ne è immune, ad esempio.
Così, dopo aver parlato del bug di iOS7 che consente di fate telefonate anche con schermo bloccato, ecco arrivare una nuova critica, questa volta non basata su meccanismi strettamente tecnici ma su percezioni personali.
Stando ad un articolo apparso del quotidiano “Guardian“, infatti, alcuni utenti hanno iniziato a lamentare vertigini e nausea nel corso dell’utilizzo dei device muniti di iOS 7.
La colpa sarebbe attribuibile alle nuove animazioni e al funzionamento dello zoom sullo schermo: gli effetti di movimento dati dal nuovissimo sistema operativo andrebbero dunque ad infastidire alcuni soggetti particolarmente sensibili.
Apple, preso atto della segnalazione degli utenti che mostrano sintomi del genere, ha cercato comunque di rimediare, suggerendo di cambiare una precisa impostazione nel menù del device utilizzato.
Basterà infatti modificare la voce “Reduce Motion” per avere una limitazione dei movimenti e delle animazioni, almeno per quel che concerne in parte il parallasse e l’aspetto della home.

L’effetto slittamento e zoom, tuttavia, persiste in alcuni casi e nell’aspetto di cartelle e app in particolare.
Non essendoci ancora una soluzione concreta al problema, Apple propone secondariamente di cercare dunque di limitare l’uso delle cartelle.
Consigli che si configurano solo come “cure palliative”, per così dire.
Almeno l’azienda ha però preso atto della situazione in attesa di eventuali altri suggerimenti o aggiornamenti che possano limitare la nausea e le vertigini degli utenti più sensibili.

Se vuoi rimanere aggiornato su iOS 7 di Apple provoca vertigini e nausea? I consigli di Apple iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*