Apple chiede tempo per migliorare la mappe di iOS6

Apple fa il punto sulla situazione relativa alle nuove mappe su iOS6 e spiega che il progetto è valido ma ci vorrà tempo per migliorare.

iOS6, le mappe lasciano a desiderareiOS6, le mappe lasciano a desiderare

L’uscita del nuovo sistema operativo iOS6 ha portato con sè le prime critiche, arrivate per lo più in riferimento al sistema di mappe a disposione.
Abbandonate le Google Maps, la Apple ha fornito nuove cartografie che hanno effettivamente regalato entusiasmo agli utenti, specialmente avendo sperimentato la modalitù FlyOver.
Tuttavia in molti casi si è assistito invece ad errori madornali, come ad esempio la scomparsa della Statua della Libertà e la comparsa, al suo posto, solo della sua ombra. Oppure l'”appiattimento” della Tour Eiffel sul terreno circostante.
A parte questi errori macroscopici, alcuni utenti hanno già segnalato inesattezze più “piccole”, circa luoghi non ben indicati sulle mappe o posizionati in altri contesti, non quelli esatti. Ancora, spesso si notano distorsioni nelle immagini, evidenti soprattutto su ponti e cavalcavia.
Di fronte a tali critiche un portavoce della Apple si è espresso, dando alcune informazioni agli utenti.
Trudy Muller ha infatti rilasciato alcune dichiarazioni a AllThingD, spiegando che a Cupertino si sta lavorando per migliorare le mappe, contando inoltre sull’interazione degli utenti.

Si è consapevoli che il servizio è solo all’inizio del suo percorso e delle sue potenzialità, dunque di fatto l’invito è di avere pazienza e di usare più possibile le mappe, poichè più utenti le utilizzano, più verranno corretti gli errori, essendo una tecnologia basata sul cloud.
Dunque il verdetto finale verrà espresso più avanti nel tempo: oggi è ancora impossibile farsi un’idea precisa, sebbene è evidente che le nuove mappe abbiano un grandissimo potenziale e un dettaglio dei particolari molto interessante.

Se vuoi rimanere aggiornato su Apple chiede tempo per migliorare la mappe di iOS6 iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*