Twitter Togli Voce: come "zittire" gli utenti noiosi

Novità tra le funzionalità disponibili su Twitter: ecco come mettere il silenziatore agli utenti fastidiosi, con “Togli Voce“.

Twitter: nuova funzione Togli VoceTwitter: nuova funzione Togli Voce

Twitter introduce alcune novità per migliorare l’esperienza di utilizzo della sua piattaforma.
Tra le ultime, spicca decisamente la funzionalità che permette di “zittire” gli utenti ritenuti noiosi o fastidiosi.
Capita a tutti di rendersi conto di seguire qualcuno che talvolta tocca argomenti non interessanti o non in linea con le proprie inclinazioni.
Per evitare di dover annullare l’iscrizione al tale contatto, ora su Twitter sarà possibile selezionare “Togli Voce” – nella versione inglese, invece, si tratta dell’opzione “Mute” – così da non veder più comparire ogni singolo tweet da parte di quella persona.
Per dirla tutta non è nulla di differente da quel che già accade da molto tempo su Facebook: sul papà di tutti i social network, infatti, esiste da tanto l’opzione “Nascondi“, utile proprio per mettere ordine tra i propri contatti senza dover smettere di seguire o senza dover bloccare nessuno.
Twitter oggi si adegua e risponde così alle richieste dei suoi iscritti, lanciando “Togli Voce” sia in versione web con accesso via browser, sia in versione mobile tramite le app ufficiali per Android e iOS.

Una volta “silenziato” il singolo utente, si vedrà comparire sul suo profilo il simbolo di un amplificatore rosso con una barra sopra.
Da qui, nel caso si volesse revocare la decisione di zittire un contatto, ci si potrà dunque posizionare su questa icona rossa e procedere alla disattivazione del “Togli Voce“, tornando così a leggere i tweet del contatto.
Al momento, come per tutte le novità, solo una piccola fetta di utenti avrà modo di testare il nuovo servizio il quale comunque verrà esteso a tutti nel corso delle prossime settimane.

Se vuoi rimanere aggiornato su Twitter Togli Voce: come "zittire" gli utenti noiosi iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*