Twitter: come taggare foto? Aggiornamento e novità

Twitter spinge sulle foto e lo fa lanciando un aggiornamento per permettere di inserire i tag e di caricare più immagini insieme.

Twitter: tag e multiupload di fotoTwitter: tag e multiupload di foto

Twitter propone ai suoi iscritti un nuovo aggiornamento, puntando tutta l’attenzione al comparto foto.
Le immagini riescono spesso a calamitare più attenzioni delle parole scritte e così tutti i social network stanno mostrando di voler privilegiare questa esperienza di condivisione.
Non a caso sul social basato sul microblogging arriva una novità in tal senso: da oggi è possibile taggare le foto, inserendo il nome/nick delle persone che vi compaiono.
I tag potranno essere al massimo dieci per ciascuna immagine e ciò non avrà alcuna influenza sulla lunghezza del testo che si vorrà scrivere a didascalia: resterà sempre disponibile lo stesso numero di caratteri di sempre.
Non appena si verrà taggati in una foto, si riceverà una notifica automatica da parte del sistema ma nel caso si preferisse evitare la presenza del proprio nome su un’immagine si potrà eliminare il tag oppure si potrà definire il livello di privacy desiderato a priori, andando a modificare le relative voci nel menù “Impostazioni“.
Altra novità sbarcata grazie a questo nuovo aggiornamento è relativa alla quantità di foto che sarà possibile postare contemporaneamente: si potranno inserire fino a quattro immagini con un unico invio, andando a formare dunque una sorta di collage.

Per testare tutte le novità in ambito fotografico relative a Twitter non si dovrà fare altro che lanciare l’app, almeno sui dispositivi Apple: come si apprende tramite un post comparso sul blog ufficiale di Twitter, l’aggiornamento è arrivo in esclusiva prima sui terminali iOS.
Nei prossimi giorni arriverà anche su Android, fino ad essere totalmente funzionante ed operativo anche su piattaforma web.

Se vuoi rimanere aggiornato su Twitter: come taggare foto? Aggiornamento e novità iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*