Social media, il comportamento della politica nei due mesi di campagna elettorale

Oltre due milioni di tweet negli ultimi due mesi di campagna elettorale e quasi tre milioni di fans sulle pagine Facebook. Sono questi i numeri della politica sui social media… alla faccia dei più conservatori, che ancora parlano delle comunità sul web come di un “fenomeno”.

D’accordo, non tutti i tweet e i like sono voti... Ma la rete misura “temperatura” del Paese ...sulla politica

E così, mentre la rete decretava il successo di Mengoni a Sanremo prima ancora dei risultati ufficiali, a pochi giorni dalla fine della campagna elettorale il confronto su internet è ancora protagonista con numeri davvero incredibili, oggi resi disponibili al grande pubblico grazie a società di analisi in grado di misurare anche in tempo reale la “temperatura” della rete.

Ma andiamo per ordine e scopriamo che cosa esprimono questi numeri difficili da raggiungere con mezzi tradizionali. Prima di tutto è bene precisare che non si tratta di sondaggi: non esiste un campione tipo né un particolare algoritmo statistico che “interpreta” la realtà. I numeri sono la rappresentazione di dati reali misurati puntualmente: persone fisiche, organizzazioni o altri soggetti che esprimono il loro pensiero attraverso la rete. La misurazione è quindi quantitativa, ma dietro la quantità gli analisti sono in grado di leggere gli orientamenti, le tendenze, i bisogni e le necessità.

Così i numeri nascondono (ma in realtà svelano) informazioni strategiche, che siano orientate alla politica o alle strategie di un’azienda. Chi l’ha capito prima ha messo al riparo un vantaggio competitivo che oserei definire “infrastrutturale”.

Beppe Grillo, per la struttura della sua comunicazione e il rapporto con i media, è sicuramente il campione: in termine di movimentazione del parlato, cioè l’attenzione che genera, rappresenta quasi la metà del “mercato”, e lo dicono i numeri, non i sondaggi. Certo, questo non vuol dire che prenderà la meta dei voti. La lettura dei suoi numeri va fatta in modo diverso: basta andare a leggere nel dettaglio l’engagement –l’interazione sui contenuti – che la sua comunità esprime. Un esempio? “Fate una pubblica ammissione di colpa e chiedete agli italiani di perdonarvi. Arrendetevi!” è solo un post tra i tanti visibili su Facebook: eppure ottiene 714 commenti, 10240 like e 7597 condivisioni. Ricordiamoci che dietro ogni azione c’è l’espressione di un bisogno, di un sentimento.

E dietro Grillo non c’è il vuoto: esiste qualcuno che in quanto a comunicazione è veramente un maestro. Cosi ogni volta che Berlusconi “parla” la rete reagiste seguendo la più naturale regola fisica di causa/effetto. Ancora una volta sono i numeri a parlare in modo inequivocabile: restituzione dell’IMU? Oltre 56 mila tweet in un giorno, e poi ancora picchi di parlato con un trend medio di oltre il 30% nel periodo.

E gli altri? Bersani è il secondo su Facebook per quanto riguarda l’engagement: quindi vuol dire che la comunità prova interesse per i contenuti… ma i picchi su Twitter sono tutti dedicati alla vicenda Monte Paschi. Monti è stabile su Twitter ma del suo schieramento solo Casini riesce a essere tra i primi dieci in Facebook. Dietro, in ordine sparso e decrescente, tutti gli altri che forse sono partiti troppo tardi.

Ma in fondo ciò che è importante è prepararsi alle prossime elezioni… no, non a queste, ma a quelle dopo, che forse non sono poi cosi lontane.

Maxfone Srl
Via Monte Baldo, 6
37069 Villafranca di Verona

FB: www.facebook.com/maxfoneitalia
TW: www.twitter.com/maxfoneitalia

Se vuoi rimanere aggiornato su Social media, il comportamento della politica nei due mesi di campagna elettorale iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.