Privacy su Facebook: fine delle votazioni per gli iscritti

Dopo qualche settimana di sperimentazione, Facebook decide di non concedere più la possibilità di esprimere il voto agli iscritti circa il regolamento sulla privacy.

Facebook, votazioni per la privacy sospeseFacebook, votazioni per la privacy sospese

Qualche tempo fa abbiamo dato notizia di una novità non di poco conto emersa su Facebook: erano infatti partite le votazioni degli iscritti, per esprimere la propria opinione in materia di privacy e di gestione dei dati personali su Facebook.
La mossa è sembra quasi rivoluzionaria, dal momento che agli iscritti veniva offerta la possibilità – per la prima volta – di far sapere effettivamente cosa andasse a genio e cosa no circa il regolamento che occorre accettare all’atto dell’iscrizione a Facebook.
Tuttavia, a poche settimane dall’introduzione di quello che oggi sembra essere solo un esperimento, arriva la decisione dello staff di Facebook di fermare il meccanismo di voto.
A quanto pare, infatti, i risultati non sono stati quelli sperati perchè lo strumento è stato usato da numerosi iscritti per postare anche commenti fuoriluogo, per nulla pertinenti alle finalità espressi.
Una sorta di “sfogatoio” collettivo che non ha portato grande giovamento a nessuno e dunque è stato interrotto. Lo staff assicura però che le proposte serie sono state valutate e che il sistema non è del tutto da bocciare, bensì da perfezionare, cercando nuove modalità per poter votare probabilmente dei punti precisi, piuttosto che dare la possibilità di commentare su qualsiasi cosa, senza controllo e quindi senza molta utilità.

Insomma, la qualità dei commenti costruttivi e pertinenti è stata del tutto surclassata dalla quantità, andando a vanificare il sistema scelto.
Intanto Facebook ha deciso di istituire comunque un nuovo canale di dialogo: con lo strumento “Ask the Chief Privacy Officer” è possibile rivolgersi – fino al 28 novembre – direttamente a Erin Egan che, prossimente, risponderà ai quesiti più interessanti e numericamente forti e procederà anche con una serie di incontri.
Al momento, dunque, la modifica delle condizioni sulla privacy resta ancora nelle mani di Facebook, non più – seppure in parte minima – in quelle degli utenti.

Se vuoi rimanere aggiornato su Privacy su Facebook: fine delle votazioni per gli iscritti iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*