La grande bellezza sui social media

L’assegnazione dell’Oscar per il miglior film straniero al film “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino ha suscitato reazioni di entusiasmo, ma anche polemiche e critiche sulla rappresentazione di un’Italia in decadenza e, in particolare, sul ritratto che il registra ha tracciato della Capitale.

Social Media, la grande bellezzaSocial Media, la grande bellezza

Ai commenti sui media tradizionali, fanno eco le reazioni sui social media, ad espressione del sentimento comune sugli avvenimenti di cronaca e attualità, che la società di social intelligence WelikeCRM ha rilevato attraverso l’analisi: “La giuria social dell’Oscar Italiano”.

Dall’analisi emerge come i commenti di orgoglio ed entusiasmo siano in percentuale maggiore rispetto alle critiche e come, tra queste, emerga una negatività di riflesso riferita allo stato di crisi economica e politica del Paese evocata dal film, più che alle scene della pellicola.

Nel raggruppamento per cluster di parole effettuato dall’analisi emergono, infatti, nomi di politici come “berlusconi”, “gasparri” e “nichivendola” e termini come “decadenza”, “decadente”, “regresso”, “italiani”, “povertà”, “paese” a testimonianza di come “La grande bellezza”, di cui gli americani  hanno apprezzato le evocazioni felliniane, l’estrosità, l’ambientazione nella bellissima Roma, si riveli per gli italiani uno specchio in cui alcuni hanno riconosciuto un’immagine di bellezza e orgoglio, altri siano rimasti scioccati dai segni di invecchiamento e di decadenza.

In questo caso come in altri, i social media si rivelano un prezioso strumento di ascolto dell’opinione pubblica, che attraverso commenti di critica cinematografica improvvisata, esprime il disagio di un momento storico.

Se vuoi rimanere aggiornato su La grande bellezza sui social media iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*