Facebook: per la privacy, al voto 900 milioni di iscritti

Vanno in scena le prime votazioni pubbliche su Facebook: gli iscritti potranno esprimere il proprio parere circa privacy ed aspetti ad essa collegata. Ecco come partecipare al voto.

Facebook: votazioni sulla privacy al viaFacebook: votazioni sulla privacy al via

Facebook sembra volersi dare una regolata, quanto alla gestione della privacy: con una mossa a sorpresa, i circa 900 milioni di iscritti in tutto il mondo potranno votare alcuni aspetti particolari molto cari a Zuckerberg.
Allo studio ci sono nuove impostazioni circa la condivisione di proprie informazioni, spontaneamente rilasciate a Facebook nel momento in cui ci si iscrive e si decide quali campi del proprio profilo compilare e rendere pubblici.
Dal momento che si tratta di dati che non appartengono, in senso stretto, a Facebook, lo staff del social network – spesso accusato di rispettare troppo poco la privacy degli iscritti – ha deciso di affidare la questione agli utenti.
Ad esempio, sarà possibile votare a favore o contro la Timeline, in Italia detta “Diario”: si preferisce la nuova impostazione o si vorrebbe tornare alla vecchia bacheca?
Dal 1° giugno all’8 giugno 2012, dunque per un’intera settimana, sarà possibile esprimersi su questa e su altre questioni connesse, compresa la possibilità di utilizzare i dati personali all’etserno di Facebook, accedendo all’apposita pagina dedicata a questa enorme consulatazione elettorale online: all’indirizzo http://www.facebook.com/fbsitegovernance/app_130362963766777 ci si potrà registrare al voto e procedere.

Sicuramente una mossa democratica da parte di Facebook che specifica che, affinchè il parere della community sia vincolante, sarà necessario raggiungere un “quorum” che consiste nel superamento del 30% degli iscritti a livello globale.
Nel caso in cui dovessero votare meno persone, Facebook prenderà comunque visione dei voti, ritenendoli semplicemente un consiglio di tipo consultivo da parte degli utenti.
Sembra dunque che nel quartier generale di Facebook stia circolando una ventata di novità: sarà forse l’esposizione pubblica a seguito dell’ingresso in borsa ad aver indotto i vertici Facebook a valutare maggiormente l’opinione degli iscritti?
In ambito digitale, la privacy è intesa quale vera e propria merce, dunque votare su Facebook diventa un momento utile ed importante per far almeno sapere cosa si è disposti a cedere online pur di continuare ad utilizzare determinati servizi e cosa, al contrario, è ritenuto di primaria importanza e dunque non condivisibile.

Se vuoi rimanere aggiornato su Facebook: per la privacy, al voto 900 milioni di iscritti iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*