Facebook in Cina grazie a Baidu: accordo stretto per il Facebook alternativo

L’arrivo di Facebook in Cina senza la scure della censura sarebbe cosa fatta: pare che l’accordo tra Facebook e Baidu abbia spalancato le porte del web cinese al social network.

Facebook in Cina, presto potrà essere realtàFacebook in Cina, presto potrà essere realtà

Il web cinese è un territorio colmo di ostacoli e problemi per molti colossi del settore eppure è difficile sfuggire al richiamo del compromesso, pur di accedere ad un mercato fiorente, ricco e con un potenziale di clienti e servizi davvero enorme. Anche Facebook aspira ovviamente a cotanta possibilità, così – per sfuggire alla scure della censura – pare si stia muovendo sul campo degli accordi con società accreditate nel paese.
A quanto si apprende da indiscrezioni, infatti, sarebbe stato trovato e forse già siglato un accordo tra Facebook e Baidu, il motore di ricerca cinese in aperta concorrente di Google, nonchè l’unico realmente tollerato dal governo locale.
Rumors in arrivo dall’Oriente, che rimbalzano poi in America, parlano della decisione di aprire nei prossimi mesi un Facebook cinese: una piattaforma che ha sì l’impronta di FB ma che è di fatto una sorta di ambiente chiuso, utilizzabile solo in Cina.
Se il governo cinese approvasse questo progetto, Mark Zuckerberg avrebbe indubbiamento fatto scacco matto, almeno sulla carta: la numerosità della popolazione in Cina assicurerebbe di per sè un vantaggio incredibile a Facebook a livello mondiale, rispetto ad altri social network.
E mentre Google ha avuto grossi problemi in Cina, Facebook si prepara invece a tessere una rete di relazioni che per il momento sembrerebbero molto più diplomatiche rispetto a tentativi passati di altri attori del settore, al fine di assicurarsi un posto (accettato dall’alto e tranquillo) nello scacchiere dei social network attivi in Cina.
Siamo però nel campo dei rumors, avvallati certo da un dato di fatto: è noto l’incontro avvenuto nei mesi scorsi tra Mark Zuckerberg e Robin Li, il numero uno di Baidu.
E’ ancora troppo presto per sapere se questo “Facebook alternativo” made in Cina sarà effettivamente realizzato e in che modo prenderà forma: staremo in allerta per saperne di più.

Se vuoi rimanere aggiornato su Facebook in Cina grazie a Baidu: accordo stretto per il Facebook alternativo iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*