Facebook chiude a marzo: la bufala circola online

Facebook chiude“: questa in sintesi la notizia che, in poche ore, ha fatto il giro della rete, in maniera incontrollata. Si tratta di una bufala, come spiegato in una comunicazione ufficiale di Facebook.

FacebookFacebook

Facebook chiude il 15 marzo 2011“: una frase così breve ieri ha scatenato il panico tra i Facebook-dipendenti, già disperati per l’imminente perdita di dati, foto, contatti e relazioni sociali via Facebook.
La notizia – falsa, è bene chiarirlo sin da subito – si è autoalimentata da una bacheca all’altra, da un sito all’altro, facendo il giro della rete a livello mondiale in poche ore.
A placare gli animi arriva un comunicato ufficiale del team di Facebook che, con un pizzico di ironia, smentisce la notizia della chiusura: “Non abbiamo ricevuto il comunicato relativo alla chiusura, dovremo continuare a lavorare come al solito”. Non solo: è possibile leggere anche che non è assolutamente vero che Facebook chiuderà perchè “abbiamo appena cominciato”.
I fan del più grande social network al mondo possono dunque dormire sonni tranquilli.
Resta da chiarire come si sia generata e alimentata la bufala relativa alla chiusura di Facebook il 15 marzo 2011.
Stando ad una prima ricostruzione, alcune persone avrebbero preso sul serio le parole pubblicate sul sito Weekly World News, un sito che fa satira e che, tra le altre cose, ha anche fatto sapere che nel corso del 2011 gli alieni arriveranno sulla terra per attaccarla.
Sul Weekly World News si legge che Zuckerberg ha raggiunto tali livelli di stress per via della complicata gestione di Facebook da volerne chiudere le attività a marzo 2011. Evidentemente qualcuno ha preso molto sul serio le satira del sito e ha iniziato a segnalare la notizia come vera e fondata.
Se doveste ricevere mail contenenti la notizia della chiusura di Facebook con link sospetti, è bene tenere a mente che è una bufala e che probabilmente qualcuno potrebbe sfruttare questa finta notizia per fare spam e infettare pc.

Se vuoi rimanere aggiornato su Facebook chiude a marzo: la bufala circola online iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*