Facebook: bottone "Non mi piace" effettivamente allo studio

Lo staff di Facebook sta davvero lavorando all’introduzione del bottone “Non mi piace” o di qualche espediente del genere.

Facebook, Non mi piaceFacebook, Non mi piace

Se ne parla di tanto in tanto come una possibilità apparentemente in dirittura d’arrivo ma ad oggi non se n’è mai fatto nulla: il tasto “Non mi piace” non è ancora comparso sulla piattaforma più nota di social network.
Oggi però l’argomento è tornato di grande attualità, poichè lo stesso fondatore di Facebook – Mark Zuckerberg – ha svelato che il progetto di introduzione del “Dislike” effettivamente esiste.
Il papà del social network si è infatti prestato ad una fitta sessione di domande preparate e poste direttamente dagli utenti iscritti a Facebook.
Immancabile è arrivato il quesito relativo alla possibile introduzione del “Non mi piace” e Zuckerberg ha fatto sapere che effettivamente lo staff sta pensando seriamente a come permettere ai fruitori di esprimere malcontento o disagio. Tuttavia una novità di questo tipo andrebbe introdotta e pensata nella giusta modalità.
“A volte i sentimenti negativi possono essere usati con finalità sbagliate” ha spiegato mister Facebook, giustificando in tal modo il fatto che – per questa ragione – fino ad oggi non è ancora stato possibile inserire il “Non mi piace” accanto alle opzioni già disponibili, cioè il tasto “Mi piace”, il bottone “Condividi” e quello “Commenta”.

Più che puntare a dire che qualcosa non è nelle nostre corde, da Facebook si sta cercando il modo per esprimere il proprio sentimento al cospetto di situazioni spiacevoli che vengono raccontate su Facebook.
Basti pensare, ad esempio, alla divulgazione della notizia di un lutto: il “Mi piace” risulterebbe fuoriluogo, pur volendo esprimere vicinanza ed empatia.
Non si tratta quindi semplicemente di aggiungere righe di codice al portale ma di studiare un sistema non fraintendibile per tutti gli utenti.

Se vuoi rimanere aggiornato su Facebook: bottone "Non mi piace" effettivamente allo studio iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*