Blog: chiacchere e pensieri in libertà sul web

Negli ultimi tempi, sempre più persone parlano di Blog: chi lo ha già sul proprio sito, chi vuole cambiare il software di gestione, chi non li conosce, chi lamenta di non avere tempo per gestirlo.

Ma poi, che cosa è un blog? Il termine è stato ufficialmente coniato nel dicembre del 1997 da Jorn Barger, autore di uno dei primi e più conosciuti blog, RobotWisdom (www.robotwisdom.com). Il termine blog é un neologismo inglese, una parola composta da “Web” e “Log”, dove con Log si intende un diario o un quaderno degli appunti. Da Weblog all’abbreviazione Blog il passo poi è stato piuttosto semplice.
I blog sono inseriti nei siti, in genere privati e non commerciali, e costituiscono una sorta di diario, di quaderno degli appunti, dove, con scadenze più o meno regolari, le persone autorizzate (in genere i titolari e gestori dei siti stessi o gli utenti che partecipano alla community del sito stesso, a seconda dei casi) scrivono in forma spesso informale e rapida, pensieri, segnalazioni, notizie, riflessioni, curiosità e tutto ciò che altrimenti verrebbe scritto su un taccuino. Per questo motivo, i blog riflettono abbastanza bene la personalità e gli interessi degli autori o della community in cui sono inseriti, poiché gli autori sono liberi di scrivere quello che desiderano, quando lo desiderano, nella forma che scelgono liberamente. Ogni pensiero, ogni messaggio di un blog, viene chiamato “Post” ed i post vengono presentati in ordine cronologico, dal più recente al più datato.
Ma i Blog esistevano ben prima che Jorn Barger coniasse il termine. Proprio secondo Jorn Barger il primo vero blog è stato la Pagina “What’s new” di Mosaic (il primo browser) inziata nel 1993 da Mark Anderssen, colui che a breve avrebbe fondato la Netscape Inc., celebre softwarehouse produttrice dell’omonimo browser. Questo documento è ancora disponibile online all’indirizzo http://archive.ncsa.uiuc.edu/SDG/Software/Mosaic/Docs/old-whats-new/whats-new-0693.html e gli archivi vanno dal giugno 1993 al giugno 1996. In questa pagina sono raccolte, in ordine cronologico, una serie di riflessioni e segnalazioni sull’evoluzione tecnologica del web scritte da Mark Anderssen stesso e costituiscono, oltre che il primo esempio di blog, un interessante documento storico che racconta in breve le evoluzioni di internet, scritte da uno dei protagonisti.
In Italia il primo vero blog è il famoso Blogorroico (http://www.cavedoni.com/blogorroico/) i cui archivi iniziano già nel luglio del 2000.

Da un punto di vista tecnologico, come funzionano i blog?
I blog, a livello tecnico, sono supportati da un CMS (Content Management Sistem), un software o degli script che permettono una gestione dei contenuti del sito immediata, in modo molto semplice ed intuitivo.  Nella maggior parte dei blog, vengono impiegati software distribuiti per piattaforme Linux con un database, spesso MySQL, che permette la memorizzazione, catalogazione ed archiviazione di tutti i post.
Blogger (www.blogger.com), creato dalla Pyra Labs, una piccola una software house americana, è un pratico servizio che permette, attraverso un’iscrizione, di creare il proprio blog, di definirne le caratteristiche e di aggiornarlo in modo molto semplice. Molto probabilmente l’esplosione dei blog è stata aiuta notevolmente proprio da questo primo servizio, che ha permesso a molti utenti di crearsi in modo semplice un proprio blog, un diario pubblico su web.
Un software molto diffuso per la creazione e gestione dei blog è invece Manila, creato da UserLand (http://manila.userland.com). Il software è a pagamento e viene in genere proposto insieme ad un CMS, Frontier, che è in grado di fungere anche da webserver per il proprio sito. Con questo pacchetto la gestione dei contenuti del sito e del proprio blog diventa estremamente semplice e diretta.
È inoltre possibile gestire il proprio sito ed i blog anche con PHPNuke. Si tratta ovviamente di un sistema Open Source basato sulla combinazione web server Apache, database MySQL e script PHP. Inoltre esistono versioni per Windows, Linux, Mac OS e altri sistemi operativi, e ciò rende questo sistema particolarmente diffuso e conosciuto.

Se vuoi rimanere aggiornato su Blog: chiacchere e pensieri in libertà sul web iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*