Snapchat: violati e pubblicati più di 4 milioni di account

Solo qualche giorno fa si è parlato dell’allarme sicurezza privacy su Snapchat ed ecco arrivare sgradite novità: violati 4 milioni di account.

SnapchatSnapchat

Ci siamo occupati di Snapchat soltanto una manciata di giorni fa: la notizia che teneva banco era proprio relativa ad una falla nel sistema di sicurezza dell’applicazione.
I ricercatori della Gibson Security hanno infatti comunicato di aver scoperto un bug che mette a rischio la privacy degli utenti, poichè tramite questa debolezza sarebbe stato possibile trafugare i numeri di telefono dell’elenco contatto di qualsiasi utilizzatore.
Un’ipotesi affatto smentita dallo staff di Snapchat ma molto calmierata e minimizzata.
Ed ecco arrivare notizie piuttosto negative proprio in queste ore: oltre 4 milioni di account di Snapchat (per la precisione 4,6 milioni) sono stati violati e tutti i dati relativi ad essi sono stati pubblicati online.
E’ infatti spuntato il sito snapchatdb.info sul quale chiunque fino a poco fa ha potuto scaricare questa ingente mole di dati trafugati dagli account Snapchat.
Nel momento in cui si scrive l’appena citato sito è stato oscurato e non risulta più consultabile: chi l’ha creato ha poi spiegato al sito “The Verge” che l’azione è stata compiuta come atto dimostrativo, proprio per esercitare pressione sullo staff di Snapchat affinchè risolva la falla. Inoltre il gesto è stato compiuto anche per rendere pubblica la questione, evidenziandone dunque l’effetto materialmente diretto.

Chi ha lavorato al sito sottolinea inoltre che ancora adesso esiste la possibilità che chiunque possa nuovamente violare il sistema di Snapchat per rastrellare dati su scala globale.
Tramite blog ufficiale di Snapchat, su un nuovo post si fa presente che presto verrà rilasciato un aggiornamento e viene messo a disposizione un indirizzo mail per segnalare anomalie nel sistema di sicurezza.

Se vuoi rimanere aggiornato su Snapchat: violati e pubblicati più di 4 milioni di account iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*