Falla Heartbleed: quali sono le password dei siti da cambiare?

Cambiare le password per limitare i danni che potrebbero essere causati dalla falla Heartbleed: ecco su quali siti andare ad agire.

HeartbleedHeartbleed

Nelle scorse ore si è diffusa la notizia della scoperta di “Heartbleed”, una falla nel sistema di sicurezza di OpenSSL.
Una situazione non di poco conto dal momento che OpenSSL è un protocollo largamente diffuso e utilizzato dalle più grandi piattaforme mondiali per la trasmissione di dati particolarmente sensibili.
Dalle carte di credito ai dati personali, su OpenSSL transitano migliaia di informazioni assolutamente importanti e per questo criptate che, se in possesso delle persone sbagliate, genererebbero ingenti danni agli ignari internauti.
Il bug è stato stanato e pubblicamente svelato un paio di giorni fa, dunque per molti è arrivato il momento per correre ai ripari prima di eventuali problemi.
Cosa fare in quanto semplici utilizzatori di vari servizi?
Il consiglio maggiormente diffuso è quello di cambiare le password dei servizi che si stanno utilizzando e che naturalmente fanno uso di OpenSSL.
Tra i siti per i quali è caldeggiato il cambio password ci sono Amazon, Yahoo!, Tumblr, Oculus, Flickr e Facebook.

C’è però da dire che lo staff di Facebook ha fatto ufficialmente sapere che la patch per “tappare” la falla è stata già lanciata e al momento non risultano infrazioni o situazioni di pericolo.
Potrebbero essere coinvolti anche i servizi Google e di sicuro si parla di Dropbox, nulla invece si sa circa gli account Apple e Twitter.
Situazione senza criticità invece per Linkedin.
In ogni caso è sempre bene evitare di utilizzare la stessa password per più servizi o quantomeno non farlo per servizi ad alto rischio nel caso di furto di dati, quali servizi bancari online o siti in cui si è deciso di inserire i dati della carta di credito.

Se vuoi rimanere aggiornato su Falla Heartbleed: quali sono le password dei siti da cambiare? iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*