Facebook: risolto attacco virus con immagini violente e porno

L’attacco virus su Facebook che ha generato nelle scorse ore immagini dal contenuto violento o pornografico è stato risolto con successo: la situazione è tornata sotto controllo.

Facebook colpito da porno virus: situazione risoltaFacebook colpito da porno virus: situazione risolta

Negli scorsi giorni molti iscritti a Facebook hanno dovuto sorbirsi immagini dal contenuto pesante e sgradevole, non potendo fare nulla per evitarne la visione: un attacco hacker ai danni del social network ha infatti generato il proliferare di foto di dubbio gusto su migliaia di profili e bacheche.
Un’ondata di spam a sfondo pornografico senza precedenti nella storia di Facebook che si è diffusa con le solite modalità di sempre – tramite link e codici javascript maligni opportunamente studiati dai cybercriminali – ma che non si era mai manifestata in tale quantità.
E se in molti hanno inizialmente pensato alla possibilità che si trattasse di un attacco dimostrativo di alcuni membri di Anonymous, è proprio la staff tecnico di Facebook a smentire questa ipotesi, facendo sapere che si è risaliti all’identità dei responsabili di questa trappola informatica e che tra di essi non c’è alcun membro di Anonymous.
La situazione è comunque fortunatamente tornata alla normalità e ci si è resi conto che in realtà l’hacker all’opera non avrebbe agito sul codice o su qualche falla della piattaforma stessa di Facebook, quanto piuttosto avrebbe sfruttato una vulnerabilità cross-site scripting (XSS) insita nei browser di navigazione utilizzati dagli utenti, scatenata proprio dal comportamento ingenuo degli iscritti che hanno copia-incollato il link sulla barra di navigazione, permettendo così al virus di partire e di agire, senza possibilità di fermarlo una volta innescato.
Attivando la trappola, di fatto il flusso di condivisioni presenti in bacheca si è trasformato in una galleria fotografica esplicita e violenta, impossibile da bloccare lato utente.
Proprio la modalità di propagazione del virus – non assimilabile a quella solita di Anonymous – avrebbe convinto gli ingegneri della sicurezza di Facebook a cercare altrove il colpevole che, a quanto pare, sta per essere raggiunto da una denuncia che i vertici del social network starebbero per sporgere.

Se vuoi rimanere aggiornato su Facebook: risolto attacco virus con immagini violente e porno iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*