Apple ammette: sito degli sviluppatori violato

Apple conferma che si è verificato un attacco alla sezione dedicata agli sviluppatori. Ecco cosa è successo e la situazione attuale.

Apple: attaccato il sito per sviluppatoriApple: attaccato il sito per sviluppatori

Duro colpo alla sicurezza dei sistemi Apple: si apprende oggi che nei giorni scorsi la sezione dedicata agli sviluppatori è stata violata da alcuni hacker.
Tutto, a quanto pare, dovrebbe essersi svolto nella giornata di giovedì 18 luglio 2013 quando qualcuno è riuscito ad accedere a questa parte specifica dei sistemi Apple, probabilmente riuscendo a carpire alcune informazioni.
Il tenore dell’attacco non è però ancora noto.
Ad ogni modo il personale Apple preposto ai controlli – accortosi della circostanza – ha deciso di sospendere momentaneamente l’accesso alla sezione dedicata ai developer, forzandone il down.
I più attenti si sono però insospettiti, per via del fatto che la limitazione è perdurata per diverso tempo: è sembrato troppo, rispetto ad un normale intervento di manutenzione.
Alcuni media, come ad esempio AllThingsD, hanno dunque provato a contattare qualcuno della Apple preposto a tale settore, per chiedere spiegazioni.
In effetti, qualcosa di insolito stava effettivamente accadendo: dall’azienda di Cupertino è stato risposto con la verità, cioè con l’ammissione che il mancato accesso alle pagine dedicate agli sviluppatori era dovuto ad un intervento di straordinaria manutenzione, in seguito ad una violazione.

Apple ha specificato che i dati degli iscritti sono crittografati, tuttavia non si può ancora escludere con certezza la sottrazione di alcuni dettagli, relativi però ad un numero molto limitato di profili di iscritti.
Apple ha poi fatto sapere, tramite dichiarazioni rilasciate al sito MacWorld, che che allo stato attuale sembra che nessun account di clienti è stato violato e che anche i dati delle applicazioni, così come i codici, appaiono al sicuro.

Se vuoi rimanere aggiornato su Apple ammette: sito degli sviluppatori violato iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.