Antivirus per Flashback: Apple lavora alla patch

Dopo l’attacco Flashback che ha causato la vulnerabilità di circa 600 mila Mac, alla Apple si sta lavorando per creare una patch – antivirus adeguata che verrà rilasciata nei prossimi giorni.

Flashback, malware che infetta i Mac della AppleFlashback, malware che infetta i Mac della Apple

Flashback è il nome di un malware che da qualche giorno sta pesantemente attaccando moltissime macchine Mac in tutto il mondo: si stima che siano già stati contagiati almeno 600 mila sistemi. Il numero sembra essere destinato a salire, almeno fino a quando non verrà trovato un adeguato antivirus che possa mettere all’angolo in virus, solitamente mascherato dietro una banalissima finestra di download di un software affidabile, almeno all’apparenza.
Flashback ha dunque assunto sin da subito le sembianze di una minaccia per i Mac della Apple che non conosce precedenti, malgrado questo virus sia in giro per il web da più di un anno.
E’ per questo motivo che la Apple ha deciso di muoversi in fretta e ha così fatto pubblicamente sapere che nei prossimi giorni verrà effettuata la release di una patch che possa andare a chiudere la falla tramite la quale Flashback si è insinuato nelle macchine nate nei laboratori di Cupertino.

Se per i Mac dotati di sistema operativo Snow Leopard oppure di Lion l’aggiornamento sarà automatico, diversa si prospetta invece la situazione – e la soluzione – per i sistemi più vecchi: in questa seconda istanza, si dovrà procedere con la procedura manuale per l’installazione della patch prima, con susseguente rimozione del malware, poi.
Nel caso invece si volesse agire autonomamente prima che la Apple rilasci l’aggiornamento ufficiale, in modo da poter arginare il problema sin dalle prime avvisaglie della presenza del malware Flashback, allora una delle soluzioni possibili è Flashfake, un tool di Kaspersky rilasciato gratuitamente.

Se vuoi rimanere aggiornato su Antivirus per Flashback: Apple lavora alla patch iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*