Adobe: attacco hacker confermato, 2,9 milioni di account a rischio

Quasi 3 milioni di utenti Adobe potrebbero essere a rischio, per via di un attacco hacker ai sistemi Adobe.

Adobe, sistemi attaccatiAdobe, sistemi attaccati

Un nuovo attacco hacker è stato portato a segno ai danni di una grande azienda: questa volta è toccato ad Adobe.
Qualche ora fa è stata la stessa Adobe ad aver comunicato ai propri utenti quanto accaduto, utilizzando il blog ufficiale aziendale.
Si legge dunque che il sistema informatico è stato violato e che c’è motivo di credere che un certo numero di account siano stati “saccheggiati”.
Si parla di circa 2 milioni e 900 mila account oggetto di furto di dati personali, tra i quali in molti casi ci sarebbero anche i numeri di carta di credito.
Non solo: Adobe comunica che è possibile che il gruppo che è riuscito a violare il sistema di sicurezza potrebbe aver messo le mani sui codici sorgente di alcuni dei software più diffusi a livello mondiale di casa Adobe, come ad esempio Adobe Acrobat.
Sembra che l’attacco hacker sia avvenuto all’incirca un paio di settimane fa: in questo lasso di tempo i tecnici della sicurezza di Adobe hanno indagato e hanno cercato di comprendere quale sia stata la portata del problema.

Brad Arkin, capo del settore sicurezza, ha fatto sapere che ad ogni modo al momento non risultano ulteriori rischi per gli utenti.
Adobe ha comunicato che se dovesse risultare un pericolo per l’ID utente e la password, gli interessati riceveranno in queste ore una mail con l’invito a modificare la password.
Come sempre, un consiglio sempre valido è quello di andare a modificare le credenziali di accesso ad altri siti, se sono le stesse utilizzate per i servizi hackerati.
Si riceverà un avviso anche nel caso in cui Adobe penserà che i dati della carta di credito siano stati trafugati.
Al contempo Adobe informa di aver provveduto ad informare le banche, in modo da monitorare i movimenti delle carte di credito, onde evitare inconvenienti.
Infine, l’azienda ha proposto un anno di monitoraggio gratuito dei dati sensibili ai clienti che lo richiederanno.

Se vuoi rimanere aggiornato su Adobe: attacco hacker confermato, 2,9 milioni di account a rischio iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.