Intervista a Daniele Rizzi, Handheld PM di ASUS Italy

Daniele Rizzi, in ASUS da diversi anni, inizia la sua carriera con la gestione del canale rivenditori in veste di Channel Key Account per arrivare nel 2006 alla posizione di Handheld Product Manager, dove segue direttamente le politiche distributive per questi prodotti sul mercato italiano.

Come si presenta il mercato italiano dei palmari e Smartphone? Si tratta di un mercato molto concorrenziale in cui i maggiori player stanno prendendo piede con soluzioni che puntano all’integrazione di diverse funzionalità, prime fra tutte GPS e UMTS. Per avere successo in questo comparto è sempre più importante che i prodotti offrano buone doti di autonomia, per garantire massima libertà di movimento e una memoria integrata consistente, che consenta di archiviare numerosi contenuti digitali. Per questo possiamo affermare che l’interesse del mercato italiano si sta progressivamente spostando dai palmari puri alle soluzioni più complete, quali gli Smartphone. Che rapporto hanno i consumatori con questo mercato? Le tante funzionalità contenute in un dispositivo di così piccole dimensioni rendono questo tipo di prodotti estremamente appetibili al consumatore, che predilige mobilità, connettività e vuole avere tutto sempre a portata di mano. Qual è la vision di Asus? Il nostro ventaglio di soluzioni si sta ampliando sempre più, soprattutto nel settore degli smartphone, che prevede una road map ricca di novità (basti pensare al neonato ASUS P535). A breve, poi, immetteremo sul mercato anche una nuova proposta per la navigazione satellitare, caratterizzata da un rapporto qualità/prezzo particolarmente interessante. Mi riferisco al modello ASUS S102 di prossima uscita. Qual è il vostro cliente tipo? Si spazia dal businessman che ha soprattutto bisogno di sincronizzare i dati del proprio PDA con il notebook a chiunque desideri avere a disposizione funzionalità più avanzate rispetto a quelle di un classico telefono cellulare. Chi decide di acquistare ASUS può, inoltre, sempre contare su un design raffinato ed elegante senza alcuna rinuncia dal punto di vista tecnologico. Quali sono i vostri competitor? Sono sicuramente tutti i maggiori attori del mercato, tra cui HTC, HP, ACER, Nokia e MIO. Cosa offre in più Asus rispetto ai competitor presenti in Italia, perché preferirvi? Chi sceglie un nostro prodotto sa che può contare su un know how indiscusso e sulla capacità di ASUS di essere sempre in prima linea nel proporre tutte le soluzioni tecnologiche più avanzate. I nostri prodotti offrono poi due anni di garanzia, sono caratterizzati da un design ricercato, piacevole e curato in ogni minimo dettaglio (come, ad esempio l’antenna interna nei nuovi modelli), assicurano numerose funzionalità per la full mobility e garantiscono la massima affidabilità. Quali sono le novità del settore? Il mercato offre oggi soluzioni caratterizzate da una forte e crescente integrazione tra le funzionalità di PDA, telefono e sistema di navigazione, il tutto racchiuso in prodotti sempre più compatti e leggeri. Sempre maggiore attenzione viene poi riservata alla connettività e alle dimensioni del display per assicurare una migliore visualizzazione, ad esempio, delle mappe satellitari o dei classici documenti di office. Com’è andato l’ultimo anno e quali sono i vostri gli obiettivi futuro? L’ultimo anno è stato più che soddisfacente e il nostro obiettivo primario ora è quello di rafforzarci ulteriormente su un mercato in forte crescita con una gamma sempre più ampia e completa di soluzioni nell’ambito degli Smartphone e dei navigatori satellitari.

Se vuoi rimanere aggiornato su Intervista a Daniele Rizzi, Handheld PM di ASUS Italy iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*