Youtube a pagamento: prezzo dei nuovi canali ufficializzato

Youtube diventa a pagamento, in parte: ufficialmente al via i canali pay-per-view. Qui i prezzi degli abbonamenti.

Youtube: via ufficiale dei canali a pagamentoYoutube: via ufficiale dei canali a pagamento

Qualche giorno fa ci siamo occupati delle indiscrezioni riguardanti Youtube: i canali a pagamento sembravano ad un passo dal venire attivati, sebbene lo staff al lavoro continuasse a negare eventuali lanci nel futuro immediato.
Invece ecco arrivare l’annuncio ufficiale circa la creazione dei canali a pagamento su Youtube, al prezzo di partenza di 99 centesimi di dollari al mese, fino ad un massimo di 7,99 euro, sempre nel caso di abbonamento su base mensile.
Al momento si inizierà con la trasmissione di contenuti da parte solo di un numero ristretto di partner, in virtù dell’avvio del progetto pilota che porterà – mano a mano nei prossimi mesi – a strutturare il servizio in maniera più corposa.
La raccolta di introiti non andrà a solo vantaggio delle casse di Youtube – dunque di Google – ma come viene spiegato tramite il comunicato ufficiale, la richiesta di un modello leggermente differente di business è nata dagli stessi inserzionisti e autori di video.
Che ci sia un sistema di compensi sulla piattaforma di video è cosa nota: il “Partner Program” esiste infatti dal 2007 e permette di far guadagnare anche chi posta video – purchè originali – sia tramite i click sui banner pubblicitari, sia a forfait sul totale delle visualizzazioni dei video stessi.

Le cifre sono sempre state top secret – pena l’esclusione dal programma stesso – ma ad ogni modo c’è chi guadagna lautamente e chi ne ricava un discreto “stipendio”.
Il modello, perfezionabile, ha dunque portato anche alla creazione dei canali a pagamento appena lanciati: si vedrà nei prossimi mesi la reazione del vastissimo pubblico di Youtube.
Intanto si fa sapere che gli abbonati potranno usufruire dei canali pay-per-view da ogni piattaforma: che ci si trovi davanti al pc o alla tv (collegata al web), con il tablet o smartphone, i video a pagamento saranno visibili ovunque.
Nell’annunciare la novità, lo staff di Youtube fa sapere che è possibile iscriversi al nuovo sistema, decidendo di far divenire il proprio canale a pagamento.
Naturalmente, circa la maggior parte dei contenuti proposti attualmente su Youtube, nulla cambierà: al momento sono per lo più i grandi network ad aver avviato la sperimentazione, dunque la più parte di video attualmente raggiungibili resteranno gratuiti.

Se vuoi rimanere aggiornato su Youtube a pagamento: prezzo dei nuovi canali ufficializzato iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.