Wi-Fi libero per attività commerciali: stop monitoraggio dati e obblighi esercenti

Le attività commerciali potranno offrire wi-fi libero, senza dover richiedere e archiviare i dati dei clienti: lo stabilisce il Garante della Privacy.

Wi-fi gratis: le attività commerciali possono offrirlo senza più obblighiWi-fi gratis: le attività commerciali possono offrirlo senza più obblighi

Ancora un passo in avanti nella condivisione di reti wi-fi gratis in Italia: il Garante della Privacy è tornato sull’argomento della connettività che le attività commerciali potrebbero voler offrire ai propri clienti.
Sulla questione si dibatte da anni ormai, dal momento che la legislazione precedente stabiliva l’obbligo del gestore dell’attività commerciale di richiedere e conservare i dati di chi usufruiva della connessione, per procedere ad eventuale futura identificazione.
Oggi si apprende che il Garante della Privacy ha dunque accolto e confermato un’indicazione della Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE) che prevede che “gli esercenti pubblici possono mettere liberamente a disposizione degli utenti la connessione wi-fi ed eventualmente Pc e terminali di qualsiasi tipo“, lasciando al cliente la volontà di comunicare eventualmente i propri dati e soprattutto sollevando l’esercente dalla responsabilità rispetto all’utilizzo del web fatto, per l’appunto, dai clienti stessi.

Un deciso cambio di prospettiva che faciliterebbe notevolmente il ruolo del gestore dell’attività commerciale, non più obbligato ad avere strumenti per il monitoraggio e l’archiviazione dei dati, anche perchè il Garante ha fatto presente che questa la procedura necessaria fino ad oggi andava a ricadere in quei casi “in cui non può essere effettuato il trattamento dei dati personali senza necessità del consenso del soggetto interessato“.
Ecco dunque che la diffusione di rete libera ha intrapreso un nuovo percorso.

Se vuoi rimanere aggiornato su Wi-Fi libero per attività commerciali: stop monitoraggio dati e obblighi esercenti iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*