Project Loon: Google porta internet con palloni aerostatici

Google presenta “Project Loon“, la modalità per portare la connessione internet anche in luoghi remoti, grazie a palloni aerostatici.

Google Project LoonGoogle Project Loon

Google ha fatto sapere di avere in cantiere un progetto ambizioso e molto interessante.
Si tratta della possibilità di strutturare concretamente un sistema per portare la connessione internet anche in quelle zone non raggiunte dall’infrastruttura necessaria.
Questo progetto, ufficialmente presentato da Google e sintetizzabile nei due video al termine di questo articolo, si chiama “Project Loon“.
Portare la connessione in aree della terra povere oppure caratterizzate da elementi naturali tali da impedire la costruzione di reti per la connettività – ad esempio grandi formazioni di montagne, giungle o arcipelaghi – può essere possibile, tramite un modo alternativo.
Google sta infatti mettendo a punto un sistema di palloni aerostatici in grado di restituire segnale ai territori sottostanti, quando appunto i palloni si trovano in volo.
Si tratterà di costruire degli anelli di palloni che si alzeranno ad una altitudine doppia rispetto a quella degli aerei per voli commerciali.

I palloni aerostatici andranno dunque a spostarsi attorno alla terra grazie alle spinte dei venti stratosferici, andando così a coprire diversi territori e dando modo di accedere quandi alla connettività internet, ad una velocità che può essere grossomodo quantificata in quella delle reti 3G.
Naturalmente c’è ancora tanto da fare per mettere a punto il progetto, soprattutto perchè è difficile far andare i palloni esattamente dove c’è bisogno di inviare segnale.
D’altronde postazioni fisse ad alta quota avrebbero dei costi troppo alti da sostenere e quindi la soluzione “volante” potrebbe essere la risposta giusta alla domanda di connessione anche in zone rurali e affatto raggiunte.
Ecco due video relativi a Project Loon di Google.

Se vuoi rimanere aggiornato su Project Loon: Google porta internet con palloni aerostatici iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.