Personal Blocklist Google per combattere lo spam con l'ausilio degli utenti

La lotta allo spam di Google passa attraverso l’aiuto degli utenti che potranno segnalare, cliccando sul link che compare accanto al sito in SERP, siti di bassa qualità o ritenuti “spammosi”.

GoogleGoogle

Si chiama Personal Blocklist Google ed è un’applicazione che ha lo scopo di combattere lo spam presente nelle ricerche di Google e che al momento compare solo con Chrome, il browser di Google. La ricerca di nuove tecnologie e soluzioni a Mountain View si è fatta sempre più affannosa a causa di siti con contenuti di pessima qualità o dal contenuto discutibile come quelli aggregati e copiati. Accanto a tutto questo bisogna aggiungere le nuove astuzie SEO di agenzie senza scrupoli che hanno portato a casi eclatanti come quello segnalato dal New York Times sulle attività di spam della società J.C. Penney che ha mostrato tutta la vulnerabilità di Google.

Da qui il ricorso alla community, se così possiamo chiamare gli utenti di Google, che da tempo rappresentano una massa critica importante per BIG G ma ai quali, fino ad oggi,  Google non ha mai saputo dare il giusto riconoscimento che si traduce in “far sentire importante”. Che sia l’inizio di una nuova era?

Eppure, le perplessità rimangono. Se da una parte l’utente con la sua segnalazione potrà far sapere a Google che quel sito fa spam oppure si posiziona con contenuti di bassa qualità, come farà Google a riconoscere quante segnalazioni di questo tipo siano veritiere e magari non il frutto di un’attività perpetrata da un competitor?  E poi, quanti utenti attualmente preferiscono Chrome all’apprezzato Firefox (presto sarà rilasciata la release 4) e al blasonato Internet Explorer (la versione 9 è superveloce)?

Staremo a vedere. L’auspicio è che nelle SERP di Google non vedremo più siti nati per fare spam o dai contenuti qualitativamente discutibili anche se l’impressione è che la strada sarà lunga.

Se vuoi rimanere aggiornato su Personal Blocklist Google per combattere lo spam con l'ausilio degli utenti iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.