Percorso di Babbo Natale: addio alle Google Maps per usare Microsoft

Babbo Natale negli Stati Uniti dice addio alle Google Maps e si affida alle mappe di Microsoft: i bambini di tutto il mondo potranno continuare a seguire la slitta di Santa Claus.

Seguire il percorso di Babbo Natale grazie al NoradSeguire il percorso di Babbo Natale grazie al Norad

Notizia curiosa in arrivo dagli Stati Uniti: quest’anno il percorso della slitta di Babbo Natale potrà essere seguito tramite i servizi Microsoft.
Solitamente per questo appuntamento con il viaggio di Babbo Natale si è usata la tecnologia delle Google Maps ma quest’anno il Norad – North American Aerospace Defense Command – ha deciso di lasciare i servizi offerti da Mountain View dopo cinque anni dall’avvio della partnership, per rivolgersi invece a quelli targati Microsoft.
La notizia della scelta di cambiare partner arriva dalle colonne del The Telegraph, dove si fa presente anche che le novità non si limitano solo a questo genere di aspetto ma riguardano anche le applicazioni.
Per la prima volta, infatti, il Norad ha immesso online anche delle specifiche app per seguire il percorso di Babbo Natale anche da smartphone e da tablet, compatibili con device iOS, Android e Windows Phone.
Quello che negli Stati Uniti è chiamato “Santa-tracking” è ormai una tradizione consolidata, partita negli anni 50 e iniziata quasi per scherzo.
Nel 1955, infatti, furono distribuiti dei volantini pubblicitari diretti ai bambini che avevano domande da porgere a Babbo Natale. Per un errore di stampa, però, il numero di telefono indicato non era quello opportunamente attivato per questa speciale operazione, bensì – per casualità – era quello del Comandante Capo dell’organizzazione militare precedente al Norad.
Un numero, dunque, che avrebbe dovuto essere privato e assolutamente confidenziale che, di colpo, è stato sommerso di chiamate di bambini convinti di poter parlare con Babbo Natale.

L’allora Capo di questo dipartimento della Difesa americana ha deciso di non formalizzarsi e di accogliere le domande dei più piccoli, scoprendo che ci si chiedeva spesso che percorso facesse Babbo Natale e a che punto del viaggio fosse arrivato, nel corso della notte della vigilia.
Così, da questo episodio casuale, il Norad decise di allestire un servizio di “tracking” di Babbo Natale che – ai tempi odierni – è stato traslato sulle mappe disponibili online.
Strano destino, dunque, per le Google Maps: tornate sui dispositivi Apple proprio da pochi giorni, incassano il benservito proprio da Babbo Natale che, quest’anno, preferirà Microsoft e – in particolare – i servizi Bing Maps e Windows Azure.
Per seguire il tragitto di Babbo Natale, è possibile consultare il sito ufficiale www.noradsanta.org.

Se vuoi rimanere aggiornato su Percorso di Babbo Natale: addio alle Google Maps per usare Microsoft iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*