Non è tutto oro quello che luccica…

Tempo fa una società di ricerche nel Web, la romana E-Search (www.esearch.it), ha realizzato uno screening sulle utenze Internet suddivise per regione.

La Basilicata, pur destando meraviglia, si è piazzata al secondo posto (subito dopo il Lazio). Si è scoperto, così, che in Lucania ben il 40 % della popolazione utilizza Internet. I dati sono ancora più interessanti se si considera che tale ricerca è stata fatta reclutando il “campione” direttamente in Internet. La conclusione scontata, a questo punto, potrebbe essere che in questa regione gli investimenti (pochi) e le professionalità (sempre di meno) sono state spese. La risposta, invece, porta da tutta un’altra parte. La crescita della Rete in Basilicata si interfaccia a perfezione con l’evoluzione di Internet in Italia. Sebbene diversi sono i fattori che hanno influito a questo progresso, il boom maggiore si è avuto con l’offerta della connessione gratis. Non a caso il 1999 è stato per l’Italia, l’anno della svolta dell’era digitale. Oggi, non solo l’abbonamento gratuito è divenuta una realtà consolidata ma è addirittura catalogabile come qualcosa di obsoleto. Si è così passati dal free della connettività alla “flat rate” (spesa forfetaria mensile del telefono senza limiti di tempo) e alle linee più veloci e senza tempo dell’”Adsl”. E non solo. Subito dopo la connettività gratuita da parte di alcuni gestori (oramai anche i piccoli provider, quelli che fatto fronte ai cambiamenti, regalano la connettività) alcuni operatori telefonici o semplici ISP (Internet Service provider) hanno attirato i clienti con gadget e piccole somme di denaro. Se si abbassassero maggiormente le tariffe telefoniche si potrebbe davvero parlare di dipendenza da Internet. Intanto la Rete per antonomasia continua a crescere senza limiti di sorta e c’è chi giura che ha delle potenzialità ancora tutte da scoprire.

Se vuoi rimanere aggiornato su Non è tutto oro quello che luccica… iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*