Microsoft: stop al revenge porn su Bing, One Drive e Xbox Live

Microsoft ufficializza la volontà di mettere un freno al revenge porn su Bing. Provvedimenti anche sulle piattaforme Xbox Live e One Drive.

Bing homepageBing homepage

Il motore di ricerca Bing cercherà di aiutare le vittime di revenge porn. Microsoft ha infatti ufficializzato la decisione di attivare una serie di strumenti utili alla segnalazione di casi del genere.
Le vendette a sfondo pornografico nei confronti di ex partner o persone frequentate e di cui si detengono video o foto in situazioni intime verranno messe al bando anche su Bing.
Esattamente come sta già accadendo da diverse settimane su Google, ciò non vuol dire che le immagini stesse verranno del tutto eliminate, poichè queste risiedono su siti e piattaforme online varie che non possono in alcun modo essere “controllate” da Microsoft.
Tuttavia la decisione dello staff di Microsoft e di Bing in particolare permetterà alle vittime di revenge porn di poter segnalare con ancor maggiore semplicità una violazione, evitando successivamente l’annessione ai risultati di ricerca proposti per gli internauti di quella specifica pagina dove è stata posta la foto o è stato caricato il video.
Microsoft però ha comunicato che – oltre ad eliminare i link dalle SERP di Bing – provvederà anche alla rimozione totale dei file segnalati, nei casi in cui questi siano stati caricati sui servizi di storage in cloud One Drive e/o su Xbox Live.
Questi provvedimenti iniziano ad assumere un aspetto sempre più centrale ed importante, ai fini della lotta al revenge porn.

Le grandi compagnie hi-tech – come appunto Google ma come sta avvenendo anche su Twitter – sembrano essere decisamente consapevoli dell’impatto che questo fenomeno sta assumendo sempre più, cercando dunque di applicare strumenti tecnici a disposizione per arginare questa piaga che va a minare l’autostima e va a ledere rapporti di fiducia, lavorativi, personali e familiari.
La promessa di Microsoft è dunque quella di contrastare il fenomeno, agevolando le segnalazioni ma soprattutto andando a fornire una soluzione pratica a stretto giro, nell’arco di poco tempo, con velocità e senza ulteriori perdite di tempo.

Se vuoi rimanere aggiornato su Microsoft: stop al revenge porn su Bing, One Drive e Xbox Live iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.