L’Antitrust UE indaga Google per abuso di posizione dominante

Dopo Microsoft è il turno di Google, il monopolista (secondo diverse posizioni) della Rete. A vederci chiaro sulla situazione “borderline” di Google questa volta è l’Antitrust europeo che pubblicamente ha dichiarato di indagare la società americana.

Goolge e l'Antitrust UE - Foto floridaventureblog.comGoolge e l'Antitrust UE - Foto floridaventureblog.com

L’Indagine dell’Antitrust UE
L’Antitrust europea ha dato seguito alle denuncie provenienti da tre società operanti in Internet (Ciao di Microsoft, Foundem, ejustice.fr) che lamentano “manipolazioni” nei risultati organici di Google da parte dello stesso motore di Mountain View. Nell’occhio del ciclone è il PR (PageRank) che Google assegna ai siti e alle singole pagine web e che è uno dei fattori presi in considerazione per il posizionamento di un sito nelle SERP di Google. Il PageRank da anni è solo uno dei molteplici fattori (diversi ancora sconosciuti) che Google prende in considerazione per determinare o meno il posizionamento e le relative pagine di un sito ma è comunque un fattore importante, almeno secondo l’accusa.

Google si difende
Dal suo canto Google non nasconde affatto i fattori che determinano il PageRank di un sito che si basano su una serie di calcoli matematici. Esplicitamente evidenzia come tutto questo sia di dominio pubblico pertanto l’accusa non è assolutamente fondata.

Il Monopolio di Google
Al di là di come andrà la sentenza è fuori dubbio che Google ha una posizione dominante nel mondo dei motori di ricerca, soprattutto in Europa. I siti ottengono traffico del 70/80% da Google e una sola oscillazione delle parole che trasferiscono traffico dal motore al sito può significare una perdita drastica di accessi. Situazioni molto diffuse in Internet, molto di più di quanto si creda, e spesso è lo stesso Google a negare il dialogo rifiutandosi di dare spiegazioni pubbliche o private.  Il monopolio di Google non si ferma alla sola ricerca organica. Le notizie di questi giorni parlano di una serie di acquisizione commerciali da parte della società californiana, da ITA Software che tanto sta facendo discutere in America (anche lì i concorrenti sono sul piede di guerra) all’ultimo rumors che riguarda l’acquisizione di Groupon.

Se vuoi rimanere aggiornato su L’Antitrust UE indaga Google per abuso di posizione dominante iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*