I comparatori online trainano l'e-commerce italiano. Nasce Facile.it

Quando sono approdati sul web nostrano, i siti di confronto prezzi furono giudicati da tanti come qualcosa destinato a scomparire presto. Ma così non è stato, anzi.

Facile.it, nuovo sito di comparazione prezzi e serviziFacile.it, nuovo sito di comparazione prezzi e servizi

Secondo i dati ufficiali del rapporto che ogni anno il Politecnico di Milano dedica al commercio elettronico business to consumer, sono proprio loro – i compatori online – i responsabili della crescita del comparto dei servizi online italiano.
Nello specifico, stando ai numeri, oggi questo settore ha un valore di ben quattro miliardi di euro e la sua crescita, anno su anno, è stata del 15%.
Confrontare i prezzi tramite il web è ormai un’abitudine anche italiana e alcuni marchi (Assicurazione.it, Trivago.it, edreams.it solo per citarne alcuni) sono diventati il punto di partenza di chi usa il web per cercare una polizza auto, un viaggio o un hotel.
Proprio in questi giorni è stato comunicato il lancio di un nuovo comparatore orizzontale di servizi, Facile.it (www.facile.it) che non si limita a mettere a confronto un unico tipo si servizio, ma permette all’utente che se ne serve di trovare la tariffa migliore per le polizze auto, le polizze moto , i conti di deposito, i conti personali, i mutui e persino i prestiti.
Un’unica url, quindi, per far fronte alle piccole o grandi spese della nostra quotidianità.
Proprio questo è il vantaggio dei comparatori: permettere non solo il risparmio economico (si parla di diverse centinaia di euro su un’assicurazione o addirittura migliaia su un muto), ma anche quello di tempo.
Vi immaginate quanto tempo ci vorrebbe, ad esempio, per farsi fare un preventivo da 18 compagnie assicurative per vie “tradizionali”?  Ancora una volta, quindi, evviva il web e, lasciatecelo dire, anche l’italica propensione a capire quali cose sono veramente utili.

Se vuoi rimanere aggiornato su I comparatori online trainano l'e-commerce italiano. Nasce Facile.it iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*