I cambiamenti di Google nel 2010, cronistoria di un motore alla ricerca della leadership

La leadership di Google tra i “motore di ricerca”  è una storia che ha inizio oltre un decennio fa. Se per molti Google è sinonimo di Internet, per altri non lo è più. Ed ecco che il motore di ricerca più famoso al mondo affina le proprie unghia per guadagnare utenti e proporre propri servizi.

Cambiamenti di Google nel 2010Cambiamenti di Google nel 2010

Nel 2010 i cambiamenti di Google sono stati numerosissimi. Dalla nuova infrastruttura Caffeine (mai nome fu così indovinato) fino ai colpi di grazia che periodicamente Google ha distribuito nel corso dei mesi nei confronti di siti con storie e mission diversi, il tutto senza nessuna spiegazione. In perfetto Google style, insomma.

Nel 2010 Google ha effettuato oltre 400 cambiamenti.  Il sito Scriptol ha stilato un elenco delle modifiche più importanti dell’anno (di seguito verranno mostrati le più importanti). Questi continui cambiamenti hanno trasformato il motore di ricerca più noto al mondo. I risultati nelle SERP non sono più gli stessi e non sempre di qualità e molte modifiche sono state devastanti per siti trafficati e di qualità. Google è sempre più alla ricerca di una leadership messa in discussione dai siti di social network, Facebook in primis.

  • Allert Spam
    Google contrassegna in rosso i siti che contengono Malware. Ora al segno rosso si aggiunge un avvertimento a mo’ di nota quando lo spam si sostituisce al contenuto originale. (dicembre 2010)
  • Sentiment analysis
    In seguito ad una denuncia del New York Times che ha evidenziato come anche se un negoziante online si comporta male con i clienti può avere successo su Google (grazie ai back link che Google fino a ieri non era in grado di capire se puntavano su contenuti positivi o negativi), Google ha introdotto questo algoritmo in grado di capire se il testo sul quale punta il link ha un contenuto positivo o negativo. Questo algoritmo rafforza la tesi che Google dà ancora molta importanza ai link in entrata. (dicembre 2010)
  • Più risultati in SERP dallo stesso dominio
    Precedentemente Google non mostrava più di due risultati nelle ricerche se relativi allo stesso dominio. Questo limite è stato eliminato. Un dominio può mostrare anche più risultati consecutivi con buona pace della concorrenza. (novembre 2010)
  • Instant Preview
    Google lancia Instant Preview, l’anteprima dei siti Internet direttamente dalle ricerche. In Italia l’Instant Preview a dicembre 2010 ancora non è attivo ma presto arriverà anche nel nostro Paese. (novembre 2010)
  • Venerdì nero
    Tra il 21 e il 22 ottobre Google lancia un nuovo algoritmo al fine di migliorare le ricerche. Molti siti di qualità e con forte traffico sono letteralmente scomparsi da Google che non ha dato nessun segno di miglioramento. Le SERP da più parti sono sempre poco interessanti e il cambiamento radicale non ha portato il risultato sperato. Google non rilascia dichiarazioni nonostante il cambiamento sia stato drastico (perdita dell’80% del traffico e spostamento di tutte le chiavi nelle SERP). Alexa dedica un post del suo blog su questo radicale cambiamento che non ha portato nessuna spiegazione tra gli addetti ai lavori. (ottobre 2010)
  • Posizione personalizzata
    Di default Google indica una posizione dell’utente. Spesso la localizzazione non è performante soprattutto in piccoli centri italiani. La sfida della localizzazione è iniziata. (ottobre 2010)
  • Navigazione da tastiera
    Google lancia la possibilità di navigazione tra le ricerche anche con la tastiera e senza l’ausilio del mouse. E’ sufficiente usare i tasti con le frecce per spostarsi tra un risultato ed un altro. (settembre 2010)
  • Google Instant
    Appena si inizia a digitare una query vengono mostrati i risultati in tempo reale. Inoltre un suggerimento in grigio chiaro suggerisce l’eventuale ricerca (spesso non è la ricerca che vuole fare l’utente ma Google si concede la possibilità di suggerire). Google Instant al momento del lancio funziona solo se si è autenticati e dà la possibilità di disattivazione. (settembre 2010)
  • Risultati in Tempo reale
    Google mostra le conversazione di alcuni social network, in particolare di Twitter, in una pagina speciale. (agosto  2010)
  • Più di due risultati per dominio
    Un dominio non poteve essere mostrato per oltre due volte nelle SERP dei risultati.  Google introduce la possibilità che un dominio possa essere mostrato anche più di due volte. Sistema che a fine anno 2010 trova la sua consacrazione. (agosto 2010)
  • Google immagini migliorato
    Google mostra un miglioramento della sezione di ricerca per immagini. Come tutte le sperimentazioni e le novità, Google introduce questo cambiamento prima negli Stati Uniti e nei Paesi più importanti. A fine anno il nuovo Google immagini arriva anche in Italia.  (luglio  2010)
  • Google annuncia Caffeine
    L’8 giugno Google annuncia che Caffeine è attivo. I risultati delle SERP sono più freschi e nuove pagine vengono man mano scoperte e indicizzate. Ad una pagina possono essere associati più Paesi per la ricerca. Si tratta di un cambiamento radicale che condizionerà, da questo momento in poi, tutta l’attività di Google e i risultati di ricerca. (giugno  2010)
  • MayDay e la coda lunga
    Molti siti perdono traffico proveniente da Google per effetto dell’abbattimento delle long tail (coda lunga). Matt Cutts conferma che tutto questo è l’effetto di un nuovo algoritmo ma non di Caffeine (l’ufficialità è del mese di giugno). Il motivo del lancio di questo nuovo algoritmo è l’abbattimento di risultati non di qualità (a detta di Google). Molti e-commerce perdono la tradizionale long tail anche che se sembra che non ci siano stati cali di vendite consistenti. (maggio 2010)
  • Martedì nero
    Molti siti perdono traffico consistente da Google, circa il 90%. E’ il 27 aprile e molti pensno che siano gli effetti di Caffeine. Si saprà poi che il calo di traffico è l’effetto di un algoritmo precedente a Caffeine. (aprile  2010)
  • Miglioramento del real time
    MySpace, Facebook, Buzz, Twitter vengono integrati nei risultati di ricerca. A sinistra della pagina di Google è possibile cercare nei vari social network in tempo reale.(aprile 2010)
  • Veloctà dei siti come fattore del ranking
    Google afferma pubblicamente che la velocità di un sito è uno dei fattori per il ranking. Per misurare la velocità di un sito è sufficiente utilizzare lo strumento introdotto nel Webmaster Tools di Google. (aprile  2010)
  • Microdatai
    I microdati venogno introdotti nei risultati di Google se specificati. (marzo  2010)
  • Assegnazione di stelle
    Google permette di votare un singolo risultati di ricerca con assegnazione di stelle. I risultati contrassegnati vengono mostrati in cima ai risultati di ricerca dell’utente. (febbraio 2010)
  • Motore di ricerca e risposte
    Google tenta di dare risultati a domande poste nel campo ricerca. Provate ad inserire la ricerca” quante persone vivono in Cina?” per ottenere come primo risultato la risposta in grassetto alla domanda. (gennaio  2010)

Se vuoi rimanere aggiornato su I cambiamenti di Google nel 2010, cronistoria di un motore alla ricerca della leadership iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*