Google cambia sfondo: come si scimmiotta Bing

Google da ieri ha inserito la possibilità di modificare l’immagine di sfondo della sua homepage, mentre da questa mattina automaticamente vengono mostrate foto, decori, scatti fotografici. Non si era già visto tutto ciò? Ma certo: sullo pseudo – rivale Bing.

Esempio di sfondo GoogleEsempio di sfondo Google

Campi coltivati, un deserto, alberi, laghi ghiacciati, oggetti artistici, ghirigori vari e chissà quali altri immagini ci riserverà Google nei prossimi mesi. Un nuovo cambiamento per il motore di ricerca che, dopo aver scombinato SERP e posizionamenti dopo la propagazione di Google Caffeine, inizia a puntare anche sul fattore estetico. Stavolta però è arrivato in ritardo, prendendo forse come esempio BING, l’eterno secondo (o forse terzo?) concorrente. Se non ci si accontenta degli sfondi Google proposti in maniera random, basta cliccare in basso a sinistra su “Modifica l’immagine di sfondo” e, loggandosi con il proprio Google Account, si potrà scegliere tra una quarantina di altre immagini oppure decidere di caricare le proprie foto da Picasa. Altra alternativa è offerta dalla possibilità di selezionare un’immagine direttamente dal proprio pc. Una personalizzazione totale e semplicissima da applicare per rendere unico il proprio sfondo Google Home e per allietare gli occhi del navigatore. Una mossa che accontenterà gli annoiati dal bianco e che farà sorridere chi da Google si aspetta la stessa originalità che consiglia profusamente.

Se vuoi rimanere aggiornato su Google cambia sfondo: come si scimmiotta Bing iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*