Google bloccato in Cina, situazione rientrata quasi del tutto

Il quartier generale di Google, dopo aver riferito di un malfunzionamento per problemi tecnici, ha invertito la rotta riferendo di un tentativo di censura da parte del governo cinese.

Censura GoogleCensura Google

Il botta e risposta non è mancato nella serata di ieri sera: il motore di ricerca Google ieri non ha prodotto risultati, vedendo un totale oscuramento di qualsiasi tipo di informazione, non solo dunque per quanto riguarda gli argomenti sgraditi al governo cinese.
Un black out che Google ha inizialmente attribuito a malfunzionamenti tecnici, visto il processo di redirect intrapreso verso la piattaforma di Hong Kong, per poi concludere “Ci hanno censurato”.
Da Pechino la smentita è secca: a parere della Cina i problemi di ieri sono imputabili solo a problemi tecnici di Google, non a censura.
Il clima è da guerra fredda, sebbene pare che la situazione sia stata riportata alla normalità: la ricerca è tornata a funzionare, anche se occorre segnalare che persistono difficoltà su Google Mobile da cellulari.
Tuttavia, nessuno dei due protagonisti di questa vicenda sembra volersi sbilanciare, lasciando alla rete le conclusioni e non diramando comunicati ufficiali.

Se vuoi rimanere aggiornato su Google bloccato in Cina, situazione rientrata quasi del tutto iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*