Addio a Rajeev Motwani, mentore di Google

Rajeev Motwani è tragicamente morto nella sua casa in California. Accademico stimatissimo, ha prestato la sua esperienza e le sue intuizioni alla nascita di Google.

La storia dei colossi dell’informatica e dell’innovazione è costellata da persone, spesso giovanissime, le cui intuizioni hanno rivoluzionato il precedente assetto di sistemi o creato ex novo nuovi mondi e società fino ad allora inedite.
Rajeev Motwani è stato una di queste illustri menti, l’ideatore dell’algoritmo PageRank che, anni fa, ha permesso a Google di iniziare la sua scalata alla conquista del web.
Larry Page e Sergey Brin, i fondatori del motore di ricerca più utilizzato al mondo, iniziarono a lavorare al loro pionieristico progetto ancora all’università e proprio avvalendosi della consulenza di Rajeev Motwani. Personaggio brillante e professore accademico molto apprezzato, Motwani ha continuato a collaborare per Google in qualità di consigliere informale, prestando le sue idee e la sua esperienza anche ad altri colossi, quali ad esempio PayPal o Sequoia Capital.
Nel corso del weekend il cadavere di Rajeev Motwani è stato ritrovato nella piscina della sua casa a Atherton, in California; il decesso è avvenuto per annegamento, probabilmente in seguito ad un incidente domestico. Si apprende in queste ore che il professor Motwani non sapesse nuotare; la sfortunata evenienza, dunque, ne avrebbe causato la tragica fine.
La notizia del ritrovamento del corpo senza vita di Rajeev Motwani ha fortemente scosso la Silicon Valley. Sergey Brin, co-fondatore di Google, l’ha ricordato con commozione: “Voglio che sia ricordato nel migliore dei modi. Si tratta davvero di una rara combinazione avere vicino qualcuno al tempo stesso così intelligente e così una brava persona“.
In molte aziende del settore, oggi ritenute colossi, c’è del genio di Rajeev Motwani: innovatore, mentore, poeta dell’informatica.

Se vuoi rimanere aggiornato su Addio a Rajeev Motwani, mentore di Google iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.