Sky Go: contenuti bloccati per smartphone con jailbreak e rooting

Presto Sky bloccherà i contenuti della piattaforma Sky Go a tutti quegli utenti che avranno effettuato jailbreak o rooting sul proprio device.

Sky Go: stop per smartphone con jailbreak o rootingSky Go: stop per smartphone con jailbreak o rooting

Mossa a sorpresa da parte di Sky, diretta a tutti quegli utenti che – per la fruizione di Sky Go – utilizzano dispositivi sui quali è stato fatto jailbreak (nel caso di prodotti Apple) oppure il rooting (per Android).
L’azienda ha minacciato di sospendere il servizio, ad eccezione della trasmissione di Sky Tg 24, divulgando un apposito messaggio agli utenti.
Nella comunicazione arrivata a tutti i clienti interessati, proprio in questi giorni, è possibile leggere che “Vista l’ampiezza della nuova offerta Sky Go, ti segnaliamo che per proteggere il valore dei contenuti non sarà più possibile ricevere i canali Sky Go, eccetto SkyTg24, su smartphone e tablet modificati dall’utente contro le indicazioni della casa madre attraverso le attività di jailbreak e rooting“.
Per continuare ad usufruire di Sky Go, dunque, si dovrà tornare alle impostazioni iniziali del proprio iPhone, iPad o smartphone Android: in questo modo Sky non sospenderà il servizio.

La decisione dell’azienda non ha lasciato indifferenti gli utenti che, pur pagando per l’abbonamento Sky, non comprendono quella che è vissuta come una vera e propria invasione della privacy, relativamente all’utilizzazione di dispositivi quali smartphone o tablet.
Oggetti personali che, stando a chi protesta, non hanno strettamente a che vedere con Sky.
Anche perchè per accedere a Sky Go è necessario possedere un abbonamento Sky e tanto dovrebbe bastare all’azienda.
Una decisione, dunque, che sta lasciando parecchio scontenti molti clienti, alcuni dei quali stanno già minacciando di disdire totalmente l’abbonamento.

Se vuoi rimanere aggiornato su Sky Go: contenuti bloccati per smartphone con jailbreak e rooting iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*