Riviste su iPad: vendite in calo

Le riviste su iPad non sono il rimedio alla crisi dell’editoria, almeno non ancora: le vendite sono già in calo.

Riviste su iPadRiviste su iPad

Malgrado la novità sia molto recente, si inizia a tracciare già un primo bilancio circa le vendite di riviste su iPad. A farlo è l’Audit Bureau of Circulations: i dati raccolti sottolineano la curva discendente, dopo una prima fase di vertiginosa crescita, dovuta probabilmente al voler provare una novità su iPad.
Gli esempi, ripresi poi dal magazine WWDM, parlano chiaro: Wired USA ha visto un debutto attestabile sulle 100.000 copie per iPad a giugno 2010, per poi crollare alle 22.000 copie di ottobre. Trend simile per Vanity Fair e Glamour, idem per GQ.
Troppo presto per esprimere una sentenza definitiva: l’arco temporale è ancora ristretto, tuttavia c’è da notare che al crescere delle vendite di iPad, non c’è stato un crescere delle vendite di riviste per il dispositivo Apple.
Le ipotesi possono essere diverse: anzitutto il prezzo dei giornali su iPad, non abbastanza competitivo in confronto al cartaceo e soprattutto non “giustificabile” nel caso in cui molti dei contenuti proposti sono già presenti online e gratis.
In un certo senso collegato è il discorso relativo agli abbonamenti: al momento non sono sottoscrivibili.
Altra difficoltà potrebbe essere implicata alla struttura stessa dell’App Store che, oggi come oggi, non ha messo a disposizione una sezione apposita all’interno della quale reperire le app delle riviste per iPad. Le stesse, dunque, si “smarriscono” tra le migliaia di applicazioni presenti, rischiando di non essere abbastanza visibili.
Fin qui le ipotesi sulle quali lavorare per lanciare il settore dell’editoria su iPad.
L’evolversi della situazione si potrà misurare nei prossimi mesi, visto che si annunciano novità a dispetto dei dati non positivi: a breve, infatti, è previsto il lancio della rivista Daily di News Corporation solo su iPad.

Se vuoi rimanere aggiornato su Riviste su iPad: vendite in calo iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*