Motorola venduta a Lenovo da Google, è ufficiale

Notizia inaspettata ma ufficiale: Motorola è stata venduta da Google, ora è nelle mani di Lenovo.

Motorola passa da Google a LenovoMotorola passa da Google a Lenovo

Durante le scorse ore una notizia bomba ha fatto il giro dei media e della rete in men che non si dica: Google ha venduto Motorola.
Il nuovo acquirente è stato ufficializzato ed è Lenovo che arriva dunque prende il controllo dell’azienda produttrice di telefoni, solo dal 2011 nelle mani del colosso di Mountain View.
A darne notizia con ufficialità ci ha pensato lo staff di Google che ha fatto sapere che Lenovo acquisterà le attività relative al comparto Motorola Mobility, quindi il riferimento preciso è agli smartphone e ai tablet.
L’accordo si è concluso su un prezzo di poco meno di 3 miliardi di dollari – 2,91 milioni di dollari per la precisione – e dunque ci si aspetta una fase di lancio di nuove prodotti per la mobilità che nasceranno proprio dalla nuova operazione finanziaria, contando sempre e comunque sul supporto dello sviluppo di Android di Google.
C’è da sottolineare che malgrado il primo scetticismo iniziale del mercato e degli osservatori, riferito al fatto che sembrerebbe quasi che Motorola sia stata “svenduta” da Google, rispetto al precedente prezzo di acquisto del 2011 (la cifra in ballo è stata di 12,5 miliardi di dollari), la situazione va rivalutata sulla base di un elemento non di poco conto: in realtà Google ha deciso di non cedere affatto i brevetti Motorola già acquisiti, almeno quelli ritenuti più rilevanti, poichè quelli per così dire secondari sono invece rientrati nei termini dell’accordo stipulato.

Il bottino della precedente acquisizione – motivo per il quale da Mountain View si era puntato a Motorola – resterà quindi saldo nelle mani di Google, a quanto pare.
E’ indubbio: la curiosità è ora molta su quali saranno le mosse di Lenovo nel mercato della telefonia di qui a qualche mese.

Se vuoi rimanere aggiornato su Motorola venduta a Lenovo da Google, è ufficiale iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*