Identità digitale unica, SPID al via

A partire dal 15 Marzo sarà possibile, grazie ad un unico PIN, dialogare con centinaia  di amministrazioni pubbliche in forma digitale con il Sistema Pubblico di Identità Digitale. 

SPID, Sistema Pubblico di Identità DigitaleSPID, Sistema Pubblico di Identità Digitale

Si chiama SPID ed è l’acronimo di  Sistema Pubblico di Identità Digitale. A partire dal 15 Marzo, grazie a questo sistema, sarà possibile dialogare con le amministrazioni pubbliche con un semplice ed unico Pin. Grazie a tre livelli di sicurezza, ognuno in rappresentanza di tre differenti livelli di identità SPID, l’uso dei servizi diventa più semplice, sicuro e veloce. Almeno stando a quanto dichiara lo spot sul sito ufficiale. 

Si diceva dei tre livelli di sicurezza. Il primo corrisponde ad un livello base, fatto solo da login (nome utente)  e password. Il secondo livello, che corrisponde a quello intermedio, si basa, oltre che su login e password, anche sull’uso di OTP ovvero di un codice temporaneo inviato al richiedente. Il terzo livello richiede, oltre all’utilizzo della login e della password, anche l’uso di un dispositivo di accesso, per esempio una smart card

Con SPID sarà possibile fare più cose su diverse piattaforme: dal PC, al Notebook e dispositivi mobili. Il Sistema Pubblico di Identità Digitale non serve solo alle imprese ma a tutti i cittadini: pensionati, studenti, etc. solo per fare qualche esempio.

I Gestori dello SPID

Attualmente i gestori accreditati da AgID (Agenzia per l’Italia Digitale), detti Identity Provider, sono solo tre. Si tratta di InfoCertID, PosteID, TIMid.

 

Quali sono le amministrazioni abilitate

SPID non sarà subito utilizzabile con tutte le amministrazione. Secondo una nota diffusa dall’Agenzia per l’Italia Digitale, dal 15 Marzo alla fine di Giugno saranno queste le amministrazioni attive:

Agenzia delle Entrate, Inps, Inail, Comune di Firenze, Comune di Venezia, Comune di Lecce, Regione Toscana, Regione Liguria, Regione Emilia Romagna, Regione Friuli Venezia e Giulia, Regione Lazio, Regione Piemonte e Regione Umbria.

A queste amministrazioni si aggiungeranno man mano altre entro 24 mesi, così come prefissato. 

Se vuoi rimanere aggiornato su Identità digitale unica, SPID al via iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.