Google News ed editori alleati contro i copia incollisti

Google News ha annunciato di aver messo a disposizione degli editori alcuni speciali tag volti a far comprendere qual è l’articolo originale. Google si allea con gli editori nella guerra contro chi fa del copia e incolla il proprio business.

Google NewsGoogle News

Buone notizie per i giornalisti ed editori arrivano da Google. Da qualche giorno, il motore di ricerca più noto al mondo ha presentato alcune novità per Google News. “Dare a Cesare quel che è di Cesare” è quanto affermato da Google che invita gli editori ad inserire particolari tag accanto al link di un articolo al fine di far comprendere al motore la paternità del contenuto.

Evidentemente le  proteste da parte degli editori e giornalisti, gli unici ad avere diritto sul contenuto, sono arrivate a Mountain View e Google, nel tentativo di arginare un’emorragia che negli ultimi tempi è diventata sempre più esponenziali, ha deciso di correre ai ripari.

Da qualche giorno, in via sperimentale, Google invita gli editori ad inserire particolari tag accanto al contenuto. Si tratta di un test ma il futuro non può che passare attraverso iniziative come queste. Chi vive di contenuti e ogni giorno si vede copiato ed incollato il proprio articolo, in barba ad una legge sul diritto d’autore, non può che applaudire.

In attesa  del rilascio ufficiale dei tag speciali per Google News, ci si auspica che gli stessi webmaster acquisiscano la stessa sensibilità di Google perché non si può “copiare ed incollare” un contenuto con il mero scopo di riempire il proprio sito e guadagnare con la pubblicità.  L’appello non è rivolto solo ai webmaster che copiano ed incollano ma anche a siti che fanno dell’aggregazione il proprio business (sempre  più presenti nelle SERP di Google) senza tenere conto che dietro un articolo c’è il frutto di un editore che investe denaro ed un articolista che presta la sua opera professionale.

Se vuoi rimanere aggiornato su Google News ed editori alleati contro i copia incollisti iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*