Diritto d'autore, l’Agcom fissa le regole contro la pirateria Internet

Approvato dall’Agcom il testo relativo alla tutela del diritto d’autore. La piaga dell’illegalità che in Internet ha avuto la sua escalation ha i giorni contati. Entro 60 giorni il testo diventerà definitivo ed applicabile sui siti che fanno pirateria.

AgcomAgcom

Tra 60 giorni, giusto il lasso di tempo per una consultazione pubblica, e il testo dell’Agcom sarà applicato. Questa volta la lotta alla violazione del diritto d’autore via Internet diventa norma dando il via ad un giro di vite dei siti illegali.  Nessun bavaglio, dunque, ma riconoscere la paternità di un’opera (musica, film, streaming, etc.) è una tutela a cui si doveva ricorrere prima che il fenomeno diventasse così esponenziale.

Secondo il nuovo testo quando si riscontra una violazione del copyright va inviata una richiesta di rimozione. Il proprietario del sito pirata ha tempo 48 ore per rimuovere il contenuto che viola il diritto d’autore. Trascorso questo lasso di tempo, se la rimozione non è avvenuta, il detentore del diritto d’autore può ricorrere all’Agcom .

A questo punto l’Agcom mette in atto un contradditorio tra le parti. Nel quarto punto è l’Agcom che chiede la rimozione del materiale protetto dal diritto d’autore. Se il sito non rimuove i contenuti ecco che scatta la sanzione amministrativa pecuniaria da diecimila euro a duecentomila euro (comma 31 della legge 249 del 1997).

Infine, ed è questo un punto importante, se il sito risiede all’estero l’Agcom ipotizza due soluzioni:
– predisposizione di una lista di siti illegali da mettere a disposizione degli internet service provider;
– possibilità, in casi estremi e previo contraddittorio, dell’inibizione del nome di dominio del sito web, ovvero dell’indirizzo IP.

Tra chi auspicava una maggiore rigidità della norma e chi invece si appella alla libertà di espressione, arriva il nuovo testo sul copyright. Soddisfatto il Presidente dell’Agcom, Corrado Calabrò, che espressamente sottolinea come questa legge che si ispira a quella degli Stati Uniti non mette nessuna limitazione alla libertà di espressione via Internet ma riconosce la giusta paternità a chi detiene un diritto d’autore. Dello stesso parere  il Presidente della Fimi (Federazione Industria Musicale Italiana ) Enzo Mazza, che punta l’indice contro la contraffazione, una ferita sempre aperta che ogni giorno annulla le opere musicali e disconosce la paternità creativa.

Se vuoi rimanere aggiornato su Diritto d'autore, l’Agcom fissa le regole contro la pirateria Internet iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*