Acquisizione Motorola da parte di Google: sì degli azionisti

Gli azionisti dicono sì all’acquisizione di Motorola che sta per confluire nell’ingente business di Google. Manca ancora poco perchè l’operazione si concluda del tutto.

L'acquisizione di Motorola da parte di Google è più vicinaL'acquisizione di Motorola da parte di Google è più vicina

L’acquisizione Motorola – Google ormai è davvero ad un passo dal realizzarsi in via del tutto definitiva: si attende a breve il verdetto dell’Antitrust, organismo che è chiamato a dare il proprio benestare – o ad opporsi – nel caso di acquisizioni di un certo valore, come in questo caso.
Nel frattempo, l’accordo tra i due colossi incassa una nuova conferma, stavolta in arrivo da un comparto interno che però ha evidenti ripercussioni sulle scelte aziendali e dei mercati: l’azionariato.
Si apprende infatti che ben il 99% degli azionisti Motorola hanno votato favorevolmente alla prospettiva più che concreta della transazione.
Lo ha fatto sapere ufficialmente il presidente Sanjay Jha, molto ottimista sull’orizzonte della nuova realtà aziendale che va profilandosi, sebbene non esattamente in tempi brevissimi come alcuni rumors delle scorse settimane hanno lasciato presagire: il processo di acquisizione definitiva non si chiuderà evidentemente entro fine 2011 ma ci vorranno ancora diversi mesi per portare a termine l’operazione, fermo restando il benestare dell’Antitrust, assolutamente imprescindibile per proseguire.
Di certo ricevere un’attestazione di tale portata e così positiva da parte degli azionisti è un ottimo modo per inaugurare una partnership e una strada nuova da percorrere.
Una strada che parla di brevetti acquisiti e di nuovi telefoni che Google riuscirebbe così a produrre quasi in esclusiva, magari cercando di insidiare il primato di Apple e andando forse a ridurre il mercato dei produttori asiatici, forti dell’hardware.

Se vuoi rimanere aggiornato su Acquisizione Motorola da parte di Google: sì degli azionisti iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*