Consigli per allestire la tua prima mostra fotografica

Quali opere esporre? Come? In quale tipo di location? Cinque regole importanti da seguire per chi sta organizzando la prima mostra personale di fotografia.

Arriva un momento nella vita di un artista in cui il confronto dal vivo con il pubblico non è più rimandabile. Mostrare il proprio lavoro, osservare le reazioni in tempo reale, analizzare il modo in

Arriva un momento nella vita di un artista in cui il confronto dal vivo con il pubblico non è più rimandabile. Mostrare il proprio lavoro, osservare le reazioni in tempo reale, analizzare il modo in cui le persone interagiscono con le opere, confrontarsi con loro e rispondere alle domande sull’esperienza appena fatta, è un passaggio fondamentale per crescere dal punto di vista umano, artistico e professionale.

Tuttavia l’allestimento di una mostra è un impegno tutt’altro che banale, lo sanno bene i curatori che di questa attività hanno fatto un mestiere oggi sempre più richiesto e ambito.

Ci sono molti aspetti da considerare nella preparazione di una mostra personale e se non hai la possibilità di affidarti a un esperto, curatore o gallerista che sia, questo piccolo vademecum potrà tornarti utile.

  1. Scegliere la location per una mostra fotografica

Lo spazio che accoglierà il pubblico e la tua opera, non c’è bisogno di dirlo, è fondamentale. La location è il contesto, l’atmosfera nella quale la tua opera vive e si mostra ai visitatori. Se abiti in una città come Milano l’offerta di location per mostre ed eventi culturali è quanto mai ampia e variegata: il consiglio è quello di scegliere spazi raccolti e non dispersivi, ma che consentano alle persone di muoversi comodamente tra le opere. Evita grandi hangar e openspace e opta per gallerie private o sale interne di palazzi comunali e residenze antiche, o visita uno dei tanti padiglioni espositivi in affitto a Milano ideali per questo tipo di eventi. Ricorda che se la location è posta su strada o piazza e in una zona con un buon afflusso di pedoni, avrai accesso anche al pubblico degli avventori occasionali.

  1. Allestire la location

Una volta scelto il padiglione espositivo per la tua mostra fotografica sei pronto per progettare l’allestimento. Studia lo spazio, pensa se hai bisogno di creare dei percorsi di fruizione utilizzando delle strutture temporanee e soprattutto progetta con cura l’illuminazione, sia che lo spazio abbia fonti di illuminazione sia che tu debba affidarti solo all’illuminazione artificiale.

  1. Seleziona le fotografie

La selezione delle foto da esporre è forse la parte più difficile. Se la tua mostra ha un tema, sarà questo a decidere in larga parte quali foto del tuo archivio escludere, come esporle, quali accostare. Se la mostra non ha un tema, ma è un’occasione per presentare pubblicamente la tua opera, un consiglio può essere quello di fissare un numero massimo di opere da esporre, mettersi di fronte al proprio archivio e giorno dopo giorno procedere per eliminazione.

  1. Stampare le fotografie

Mai fidarsi troppo del proprio monitor, la resa stampa è spesso più scura di quel che vediamo sullo schermo. È opportuno per questo calibrare il proprio monitor sul profilo colore della macchina che effettuerà le stampe. Un consiglio utile è prendere un paio di foto campione e fare una prova stampa. Con le stampe alla mano si può fare un raffronto con le stesse riprodotte sul monitor e regolare quest’ultimo di conseguenza. Per le dimensioni di stampa non c’è una vera e propria regola, tutto dipende ovviamente dal tipo di fotografia e dall’ampiezza dei padiglioni espositivi. Tuttavia è buona norma non stampare foto di dimensioni inferiori a 35/45 cm di larghezza, così da garantire allo spettatore una visione efficace e a te di non spendere una fortuna!

Se vuoi rimanere aggiornato su Consigli per allestire la tua prima mostra fotografica iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*