Oggi è il 25 luglio 2014
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Matt Cutts e link canonici, ecco cosa ne pensano i maggiori motori di ricerca

Conoscere l’elemento del link canonico in cinque minuti è quanto dichiara di poter dimostrare Matt Cutts, il famoso blogger di Google. Di seguito la traduzione italiana tratta dal suo blog.

La scorsa settimana Google, Yahoo! e Microsoft hanno annunciato il supporto di un nuovo elemento di link per eliminare gli url doppi sui siti.

La sintassi è piuttosto semplice: un url subdolo come http://www.example.com/page.html?sid=asdf314159265 può veicolare, nella parte superiore del documento, il messaggio seguente:
<link rel="canonical" href="http://example.com/page.html"/>.

Questo indica ai motori di ricerca che la posizione preferita di questo url (la "posizione canonica”, nel linguaggio dei motori di ricerca) è http://example.com/page.html anziché http://www.example.com/page.html?sid=asdf314159265.

Anch'io ho realizzato un video di tre minuti con Webpronews dopo l'annuncio per descrivere il tag di cui potete guardare il video dell'elemento del link canonico come un ulteriore modo per saperne di più.

Guardare il video è il modo più semplice per conoscere immediatamente questo nuovo elemento. I motori di ricerca hanno parlato anche di questo nuovo standard aperto. Potete leggere il post di un blog o aiutare a raggruppare la documentazione di Google, dei post del blog di Yahoo! o di quello di Microsoft.

Un altro aspetto altrettanto stimolante è che Joost de Valk ha già prodotto parecchi plug-in. Joost ha realizzato un plug-in canonico per Wordpress, un plug-in per il pacchetto di software dell'e-commerce Magento e anche un plug-in per Drupal. Mi aspetterei che molto presto si creassero plug-in per altri pacchetti di software o che si modificassero i software per utilizzare questo elemento del link nei principali software.

È grazie ai personaggi di Yahoo! come Priyank Garg e altri, nonché a quelli di Microsoft quali Nathan Buggia e altri che si è raggiunto il consenso per supportare questo standard aperto.
Sul fronte di Google, è stato Joachim Kupke a sobbarcarsi tutto il lavoro di messa a punto e di indicizzazione perché ciò potesse accadere. Grazie, Joachim, per aver insistito pesantemente su questo aspetto. Voglio inviare un plauso particolare anche a Greg Grothaus. Sebbene in passato altre persone abbiano discusso idee simili alle sue, Greg è stato un elemento catalizzatore in Google e la sua proposta è proprio capitata a fagiolo; per saperne di più visitate il suo blog.
Se la cosa vi interessa, potete guardare le slide che ho presentato la scorsa settimana per annunciare questo nuovo elemento:

Sarei lieto di provare a rispondere alle vostre domande se ne avete oppure, beh, potete porre le vostre domande sul blog ufficiale del Webmaster di Google. Se intendete recarvi al London Ses questa settimana, ci sarà anche Maile Ohye di Google per rispondere ai vostri quesiti.

Traduzione di Marika Giori

 

Pubblicato il: 17 febbraio 2009
Fonte: Redazione FullPress.it
Autore: Anna Bruno
Link: http://www.mattcutts.com/blog/canonical-link-tag/
News inserita in: Programmazione


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter